AttualitàCilentoIn Primo Piano

Castellabate, Comitato diffida a Consac

Le accuse: "atti di violenza privata, interruzione di pubblico servizio e concorso omissivo colposo in epidemia"

Il Comitato Civico Per Castellabate ha inviato una “diffida cautelativa avverso atti di violenza privata, interruzione di pubblico servizio e concorso omissivo colposo in epidemia” alla Consac. La decisione è arrivata in seguito ad alcuni episodi che hanno visto protagonisti dei cittadini del comune cilentano i quali “hanno riferito di essere stati contattati a domicilio da addetti della Consac, i quali, in riferimento al pagamento di alcune bollette insolute, hanno intimato il pagamento, minacciando, in mancanza, il distacco entro dieci giorni della fornitura idrica”, si legge nella diffida redatta dal presidente del Comitato, l’avvocato Umberto Tajani.

Non solo: a fronte della richiesta di rateizzare i pagamenti gli uffici Consac avrebbero preteso il rilascio di effetti cambiari a garanzia. Comportamenti, questi, che risulterebbero illegittimi. Di qui la diffida alla Consac e l’invito alle autorità competenti a garantire la corretta osservanza di legge.

Dal Comitato, infine, evidenziano come il distacco della fornitura d’acqua in un periodo di emergenza sanitaria come quello attuale, impedirebbe agli utenti di osservare le corrette pratiche igieniche prescritte dal Ministero.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Elena Matarazzo

Nata a Milano, si trasferisce giovanissima nel Cilento, la terra nella quale è poi rimasta a vivere e alla quale si sente particolarmente legata. Laureata in lettera, si occupa principalmente di arte, cultura e spettacolo.

2 commenti

  1. Tutta laia solidarietà ai cittadini di Castellabate.Il Consac è un modo per farci pagre l’acqua dieci volte di più per far si che politic e la loro cortei possano essere messi li all’ingrasso .

    1. Sono d’accordo in un periodo così eccezionale di epidemia la mancanza di acqua è un attentato alla salute !Non si può e non si deve interrpere la fornitura dell’acqua che è in bene pubblico!Interrompere la fornitura dì acqua atutti e soprattutto anche a chi paga bollette salate per usufruirne un solo mese all’anno e una usurpazione

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it