Il palazzo baronale entra nel patrimonio comunale di Alfano. «Una data storica»

Si punta ora ad interventi di recupero

ALFANO. «Oggi è una data storica nella quale si raccolgono i frutti dell’impegno di questa amministrazione comunale e della mediazione con la Curia vescovile di Vallo della Lucania».
Così il sindaco di Alfano, Elena Anna Gerardo, ha commentato la definizione dell’acquisto da parte del Comune della proprietà del palazzo baronale Speranza.
Si tratta di un edificio sito nel centro di Alfano, appartenuto ai baroni Speranza di Laurito che provvidero poi a donarlo alla curia.

Il palazzo baronale Speranza


Dotato di un cortile centrale, il palazzo baronale Speranza si articola in un imponente complesso edilizio situato in posizione lievemente sopraelevata rispetto al centro abitato.

L'ingresso del palazzo baronale
L’ingresso del palazzo baronale

A dispetto della sua importanza l’edificio ormai da decenni versa in condizioni di decadenza. Sarebbero necessari interventi drastici di manutenzione che però l’Ente non ha potuto eseguire.

I fondi comunali sono esigui e accedere a finanziamenti è risultato fin ora impossibile. Il Comune, infatti, vantava sull’immobile un mero contratto di comodato prima e di locazione poi.

Il progetto di recupero

Con il passaggio di proprietà dalla curia di Vallo della Lucania al Comune, invece, l’amministrazione può programmare il recupero e il riutilizzo della struttura. A confermarlo il sindaco Elena Anna Gerardo:

“Ora le nostre energie saranno concentrate a ridare nuova vita al palazzo baronale, simbolo primario e importante della nostra comunità, proponendo progetti comunali e chiedendo finanziamenti per la messa in sicurezza e il restauro.

Anche se ció richiederà tempo, noi impiegheremo tutte le nostre energie per ottenere il massimo risultato”.

Il primo cittadino non ha mancato di ringraziare quanti hanno contribuito a garantire l’acquisto del palazzo baronale:

“Don Aniello per la sua attiva e insostituibile collaborazione e Don Francesco Pecoraro per avermi sostenuta nel percorso burocratico con dedizione.
Un ringraziamento particolare a Sua Eccellenza, il Vescovo Ciro Miniero per aver ascoltato le mie richieste e per aver compreso che il palazzo baronale rappresenta un elemento importante dell’identità storico-culturale della nostra comunità”

Continua a leggere su InfoCilento.it


blank

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!