Forlenza
AttualitàCilento

Laureana: martedì 2 giugno si celebra la Madonna dell’Acquasanta

Ecco la leggenda sul Santuario

La festa della Madonna dell’Acquasanta, come da tradizione, si celebra il martedì dopo la Pentecoste, ovvero il cinquantesimo giorno dopo Pasqua.

Il Santuario dell’Acquasanta sorge lungo l’antica via che collegava a valle Laureana Torchiara, nei pressi della vecchia stazione di Torchiara e vicino alle fonti dell’omonimo torrente; la notizia riportata da Gian Cola del Mercato nella sua opera “Commentari agli Statuti del Cilento del 1677”, vuole che il culto sia nato per le virtù miracolose della sorgente che sgorga in quel luogo e sulla quale è stata edificata la chiesetta. La leggenda racconta che la sorgente sorse quando in quel luogo furono lapidate tre vergini di Agropoli inseguite fin lì dai parenti infuriati perché avevano ascoltato la predicazione di San Paolo.

Oggi il Santuario si presenta formato da un complesso di ambienti: l’aula, il presbiterio, la sacrestia, la canonica. Il presbiterio si caratterizza non solo per il pozzo di marmo, datato 1652, dal quale si trae l’acqua miracolosa ma pure per la parete affrescata nel 1647 raffigurante la Madonna e il Bambino, con ai lati San Giuseppe e Santa Lucia. Nell’affresco gli occhi della Madonna sono stati eseguiti in modo da produrre un singolare effetto ottico (trompe-l’oeil) per cui l’osservatore in un qualunque punto del presbiterio ha la sensazione che questi siano continuamente fissi su di lui.

Le strutture murarie del Santuario, la sorgiva d’acqua al suo interno incoraggiano l’ipotesi che lo stesso sia stato edificato e più volte ricostruito su un preesistente luogo di devozione mariana probabilmente del VII° VIII° secolo.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it