Forlenza
AttualitàCilento

Moio della Civitella: la tradizione del “rito delle croci”

Il 25 marzo, giorno dell’Annunciazione , si fa rivivere la tradizione della Benedizione delle Croci

L’inizio della primavera ha un particolare significato per la Civitella, dove gli antichi riti propiziatori agrari trovano riflesso nel culto della Vergine. La Benedizione delle Croci nel giorno dell’Annunciazione ne rappresenta uno dei principali momenti.

Infatti, ogni 25 marzo, giorno dell’Annunciazione, si fa rivivere la tradizione della Benedizione delle Croci nella Cappella dell’Annunziata, la chiesetta dedicata alla Madonna dell’Annunziata, posizionata sulla sommità della Civitella.

blank

Durante la cerimonia, che quest’anno sarà soltanto virtuale, le croci di castagno vengono benedette e piantate nei campi in segno di fertilità, un’antica tradizione che riporta ai riti propiziatori per la nuova stagione di semina e raccolto.

Tags
Continua dopo la pubblicità
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it