Sicurezza stradale: ecco il “Salva Pedone”, il brevetto di un cilentano

Ad ideare questo sistema è stato il cilentano Olindo Torraca

GIOI. Attraversare le strisce pedonali senza rischi? Grazie al brevetto di un cilentano ora si può. Sempre più città, infatti, stanno provvedendo all’installazione del “Salva Pedone”, un sistema di attraversamento intelligente che utilizza la tecnologia Smart Street e che consente al pedone di oltrepassare la strada attivando degli avvisatori luminosi visibili agli automobilisti sino a 2 km in fase notturna e 800m in diurna, solo per il tempo necessario per l’attraversamento e senza compiere alcuna azione volontaria.

blank

Ad ideare e brevettare questo sistema è stato Olindo Torraca, originario di Gioi, ma residente a Legnano, che insieme alla figlia Silvia, si occupa dal 2015, della realizzazione di tutti i componenti del sistema e della centralina di controllo che permette di far funzionare l’impianto.

Com’è nata l’idea

“L’idea nasce dall’esigenza di risolvere un problema legato alla sicurezza dei pedoni durante l’attraversamento, senza però bloccare il traffico (come succede nel caso dei semafori a chiamata). Perciò l’impianto si attiva solo al reale passaggio, così da evitare l’assuefazione,  e torna a riposo dopo un tempo stimato che dipende dalla conformità dall’attraversamento stesso – spiega il team di lavoro – E’ stato creato non tanto per la fase notturna, come si può pensare, ma per la fase diurna, in cui avvengono molti più incidenti, difatti il Salva Pedone è l’unico che funziona in fase diurna grazie all’alta visibilità dei componenti.”

blank

Finora sono stati realizzati circa 35 impianti. A Legnano, Lissone, Ispra, Parabiago, Sesto San Giovanni, Lecce, Olbia, Padula, Troia, all’interno della US Navy a Napoli, e all’interno dell’MA di Chivasso per la sicurezza dei lavoratori. Il tempo di produzione varia sia dalla quantità di elementi da produrre che dagli elementi stessi. Comunque si può partire da un tempo di circa 1 o 2 settimane fino ad arrivare ad un mese, in  quanto la maggior parte degli elementi richiedono dei tempi di asciugatura di colla e/o resina.

Il “Salva Pedone”, inoltre, è stato candidato per partecipare ad Aprile 2020 a Dubai al più importante Contest mondiale sullo sviluppo dell’innovazione della Smart City e dei futuri cambiamenti della mobilità e dei trasporti urbani. 

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Ti potrebbero interessare

Pubblicità
×

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it