Montella PrismArredo
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Perito: l’amministrazione rinuncia all’indennità

Fondi risparmiati andranno per politiche giovanili e decoro urbano

Politiche giovanili e decoro urbano. Andranno a questi due settori i circa 10mila euro risparmiati dall’indennità di sindaco, vicesindaco e assessore. I tre amministratori, infatti, anche quest’anno hanno deciso di rinunciare alle loro spettanze per metterle a disposizione della comunità.

La scelta è stata presa dall’intera giunta: il sindaco Carlo Cirillo, il vicesindaco Pietro Apolito e l’assessore Itala Ponzo, che rinunceranno ai gettoni di funzione per l’anno 2020.

Le previsioni di legge

La legge prevede per i comuni fino a mille abitanti una indennità mensile di 11162,09 euro per il sindaco, 232,42 euro per il vicesindaco, 174,31 euro per l’assessore. Se i componenti della giunta sono lavoratori dipendenti che non abbiano chiesto l’aspettativa tali importi vengono dimezzati.

La scelta di Perito

Per il Comune di Perito si tratta di 10196,94 euro; di questi cinquemila andranno alle politiche giovanili e poco di più per il decoro urbano. Si tratta di due settori importanti per i quali, soprattutto i piccoli comuni, hanno difficoltà ad investire viste le croniche carenze di fondi.

Anche negli anni scorsi l’amministrazione comunale di Perito aveva preso la stessa decisione.

Tags

Ti potrebbero interessare

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it