Forlenza
AttualitàVallo di Diano

Castelverde come Padula a sostegno dei testimoni di giustizia

Il Comune gemellato con Padula sostiene l'approvazione di una proposta di legge in favore dei testimoni di giustizia

Continua l’impegno a favore dei testimoni di giustizia. Anche l’Unione dei Comuni Terra di Cascine tra i Comuni di Castelverde (gemellato con il Comune di Padula) e Pozzaglio ed uniti hanno deliberato a favore dell’approvazione della proposta di Legge C. 1740 a firma dell’onorevole Piera Aiello. La proposta vuole, tra le altre cose, vedere riconosciuti importanti diritti verso coloro i quali hanno avuto il coraggio di denunciare, testimoniando nelle aule dei Tribunali, i reati commessi dalle varie forme di criminalità organizzata e le loro famiglie.

Nella delibera si sottolinea, infatti, come nella proposta di legge venga tutelato il diritto allo studio dei figli, la possibilità di intraprendere un’attività imprenditoriale in alternativa all’assunzione presso una Pubblica Amministrazione, il protrarsi delle misure di sicurezza anche al termine del programma di protezione.

La proposta di legge, all’articolo 4, pone l’attenzione sulla sicurezza dei testimoni di giustizia, aggiungendo nuove misure, tra le quali: la possibilità, successivamente al cambio di generalità, di chiedere di riacquistare in qualsiasi momento le generalità d’origine; l’aggiornamento continuo, da parte del Servizio centrale di protezione, dei documenti d’identità; la possibilità, una volta che il testimone di giustizia sia uscito dal programma di protezione, di essere scortato in occasione delle udienze e dei viaggi di ritorno ai luoghi d’origine.

“Il senso del gemellaggio tra Padula e Castelverde è proprio questo: impegnarsi sui temi della legalità riprendendo l’esempio di Joe Petrosino – dichiarano il sindaco di Padula Paolo Imparato e l’assessore alla Cultura Filomena Chiappardo – Ringraziamo il sindaco di Castelverde Graziella Locci che ha dato un importante segnale sul tema dei testimoni di giustizia. Continuiamo il nostro comune impegno a favore di chi, con coraggio, ha avuto la forza di denunciare. Un grazie va all’Associazione Nazionale Testimoni di Giustizia, ad Ignazio Cutrò, al dipendente Enrico Tepedino, da sempre attento alle vicende dei testimoni di giustizia”.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it