Montella PrismArredo
CilentoPolitica

Agropoli: niente messa a scuola. Forza Nuova: Sudditanza verso stranieri

Purtroppo si sta radicando in regione un deteriore atteggiamento volto a cancellare progressivamente le tradizioni"

Ad Agropoli quest’anno non si terrà la canonica messa di Natale per i ragazzi frequentanti il Primo Circolo Didattico. A deciderlo il consiglio di istituto (leggi qui).
A rispondere, in una nota congiunta, sono il coordinatore regionale ed il dirigente nazionale di Forza Nuova, Ivano Manno e Valerio Arenare.

“Altro che laicità della scuola, si tratta di un vero e proprio atto di sudditanza nei riguardi degli stranieri e delle loro culture”, esordiscono.

“Purtroppo si sta radicando in regione un deteriore atteggiamento volto a cancellare progressivamente le tradizioni, tra cui la messa di Natale rientra a pieno titolo; tutto per non urtare la presunta sensibilità degli immigrati, cui invece viene lasciato ampio margine di manifestazione religiosa e culturale”, proseguono Manno e Arenare.

“È piuttosto grave che a farne le spese siano dei bambini, tanto più in una scuola, luogo di educazione per antonomasia; in cui, purtroppo, va sempre più diffondendosi una cultura di sottomissione allo straniero e di rinnegamento della propria identità, valore che invece è fondamentale per la crescita delle nuove generazioni”, concludono.

Tags

4 commenti

  1. Cade il ridicolo sul nulla. Una finta polemica gonfiata ad arte sul niente. Perchè mai nella scuola si dovrebbe celebrare la messa di Natale? Da che mondo è mondo la messa si fa in chiesa. La scuola pubblica è la scuola di tutti gli italiani che sono liberi di seguire le loro tradizioni nei luoghi appropriati. Non si tratta di rispettare gli stranieri, si tratta di rispettare l’uguaglianza tra tutti. Essere italiani non comporta alcun obbligo di essere cattolici.

  2. La scuola pubblica è laica, pubblica, gratuita. Le messe ognuno è libere di farle fuori. Un altra, l ennesima, invettiva da a-culturati che sprizzano odio da tutti i pori. Per rortuna4l educazione non è in mano a questi barbari che sanno solo seminare odio verso l altro. Vergognatevi!

  3. nn si tratta di nn rispettare ”l’uguaglianza” ma di far almeno pensare piuttosto credere in qualche tradizione anche solo con un simbolo chiesistico come facevano con noi quando eravamo pargoli.!cqe,,,credo che ad oggi con le migliaia di immigrati nel nostro paese sono cambiate alcune cose anche nel pensare alla nostra ”festa” più bella dell’anno.rispetto il loro credo nella loro religione ma noi nn siamo da meno!! usi credenze costumi abitudini leggi strutture storia ,,diamogli una valutazione quindi che siano rispettate ,,,,amen.

Ti potrebbero interessare

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it