Montella PrismArredo
CronacaGlobal

Quattro casi di tubercolosi nel salernitano

Colpiti tre italiani e uno straniero

Quattro casi di tubercolosi all’ospedale di Eboli. Ad essere colpiti tre cittadini italiani ed uno straniero. I quattro abitano nella stessa zona e ciò ha fatto scattare l’allarme per un rischio di ulteriore diffusione della malattia. Ipotesi, questa, smentita dai medici secondo cui non c’è alcun focolaio. La tubercolosi è una malattia grave provocata dal Mycobacterium tuberculosis, un batterio garm positivo.

All’ospedale di Eboli furono già registrati altri casi nella scorsa estate: una donna italiana e un extracomunitario. La tubercolosi è una malattia da non sottovalutare perché può portare alla morte. Di solito attacca i polmoni ma può colpire anche altre parti del corpo.

La tubercolosi è infida, poiché si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva, le secrezioni bronchiali, a causa magari di un semplice colpo di tosse o di uno starnuto.

Il periodo di incubazione va dalle 8 settimane a tutta la vita. Ovvero, potrebbe rimanere “dormiente” per tutta la vita del soggetto infettato. La tubercolosi si cura, ma è cosa lunga. La terapia può durare da 6 mesi a 18-24 mesi, motivo per cui può capitare che molte persone non assumano i farmaci per tutto il periodo e in modo corretto, creando una vera e propria resistenza ai farmaci. Per questa ragione, è importante che il paziente assuma la sua dose di farmaci ogni giorno. Seguendo “diligentemente” il trattamento terapeutico, il periodo di cura della tubercolosi si riduce a circa 6-8 mesi.

Tags
Continua dopo la pubblicità

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it