Montella PrismArredo
Unisa

A Unisa un convegno sull’emigrazione cilentana in Sudamerica

Evento in programma martedì 29 ottobre

Martedì 29 ottobre si terrà ad Unisa il convegno internazionale di studi interdisciplinari dal titolo “Italiani nelle altre Americhe – Emigranti cilentani e meridionali in Venezuela, Colombia, Centroamerica e Caraibi”. L’incontro si svolgerà a partire dalle ore 10.00 fino alle 18.00 e avrà luogo presso l’aula Imbucci. Ad introdurre l’evento saranno i saluti della prof.ssa Rosa Maria Grillo, direttrice del Dipartimento di Studi Umanistici, del prof. Carmine Pinto, coordinatore del Dottorato in Studi letterari, linguistici e storici, e del Presidente dell’Asmef (Associazione Mezzogiorno Futuro) Salvo Iavarone.

Il convegno si svolgerà in due diverse sessioni. Nel corso della prima interverranno il prof. Vittorio Cappelli (Centro di Ricerca sulle Migrazioni – Università della Calabria) con un intervento dal titolo “Una regione migratoria di frontiera – tra il Cilento, il Val D’Agri e il Pollino – verso le altre Americhe” e il prof. Emilio Franzina (Università di Verona) con il seguente intervento “Emigranti, immigrati e razzismo: una prospettiva inconsueta”.

Seguirà una discussione. La seconda sessione si aprirà con il prof. Martino Marazzi (Università di Milano) che discuterà a proposito di “Letteratura italiana ed emigrazione: lo status questionis”. Seguirà il contributo del genealogista Michele Cartusciello del Museo del Cognome di Padula dal titolo “Emigrazione e ricerca genealogica: le fonti online”. Discuterà infine la prof.ssa Raissa Pergola (Università degli Studi di Salerno) con un intervento dal titolo “Presenza italiana in Colombia e a Cuba: il caso migratorio di Padula. Dalla fine del XIX secolo alla Seconda guerra mondiale”. A concludere l’evento sarà una seconda discussione, moderata dal prof. Toni Ricciardi (Université de Genève). A coordinare il convegno sarà il giornalista Eduardo Scotti.

Tags

Ti potrebbero interessare

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it