Gold Metal Fusion
CilentoPolitica

Castellabate, il commento della minoranza sul consiglio comunale

"Abbiamo assistito all’ennesimo, maldestro tentativo di arrampicarsi sugli specchi da parte dell’Amministrazione"

Riceviamo e pubblichiamo, di seguito, nota stampa dei consiglieri comunali di Castellabate Alessandro Lo Schiavo, Marco Rizzo, Caterina Di Biasi e Luigi Maurano, in merito al consiglio comunale di questa mattina.

Ecco il testo del comunicato:

Nel Consiglio Comunale di questa mattina abbiamo assistito all’ennesimo, maldestro tentativo di arrampicarsi sugli specchi da parte dell’Amministrazione, che a distanza di 8 anni conferma, attraverso gli atti da lei stessa prodotti, il proprio fallimento.
Infatti, si porta in Consiglio Comunale un DUP (Documento Unico di programmazione) che ogni anno ripete sempre gli stessi obiettivi: destagionalizzazione, qualità del turismo, opere strategiche. Questo vuol dire che tali obiettivi ancora non sono stati raggiunti. Ma d’altronde basta girare per il territorio per accorgersene.

Il culmine dell’acrobazia circense si è registrata con il Bilancio di Previsione. Un bilancio che concentra le risorse economiche nei capitoli dedicati ai debiti fuori bilancio, alle indennità del Sindaco e degli Assessori, agli acquisti di beni e servizi per gli uffici. E destina pochi spiccioli se non zero per i settori che invece rappresentano il territorio e la sua economia: agricoltura, turismo, associazionismo, assistenza sociale e scuole.
Le proposte di invertire questa tendenza le abbiamo presentate. Infatti, con gli emendamenti, che nei prossimi giorni spiegheremo in maniera precisa, abbiamo proposto di dare più fondi per l’acquisto dei beni scolastici, visto che a Castellabate Capoluogo mancano addirittura le porte ai bagni tanto da costringere le ragazzine delle scuole medie ad utilizzare i bagni delle scuole elementari. Abbiamo proposto di istituire un fondo per l’agricoltura e specificatamente per chi coltiva la propria terra, visto che ormai si deve pagare una nuova tassa in questo settore: la tassa del cinghiale. Abbiamo proposto di istituire un fondo per le associazioni che sono il motore degli eventi estivi ed invernali del nostro territorio. Abbiamo proposto di destinare più risorse al trasporto pubblico locale pensando anche ad un collegamento con la stazione di Agropoli-Castellabate. Abbiamo proposto di destinare più risorse all’assistenza agli anziani, ai disabili e a tutte le persone non autosufficienti.
E per fare tutte queste cose abbiamo previsto di tagliare gli sprechi o le voci che sono frutto di scelte politiche: come le indennità del Sindaco e degli Assessori che in tre anni sono aumentate di 20.000 euro o le risorse per lo staff del Sindaco e i servizi istituzionali che in tre anni sono aumentati di 80.000 euro. Insomma più soldi al territorio e meno alla burocrazia e alle indennità. Tutte queste proposte sono state bocciate dalla Maggioranza. Le risorse ci sono, sta alla politica scegliere per cosa utilizzarle.  In questi tre anni, invece, due voci di bilancio sono aumentate: le tasse per i cittadini e le indennità per il Sindaco e per gli Assessori.

Non potevano mancare, poi, i debiti fuori bilancio che ormai sono diventati il leitmotiv di ogni Consiglio Comunale.

Un commento

  1. Ma scusa, Tamasco ha soltanto rispecchiato la realtà! Un ospedale come quello di Roccadaspide che rimane con un solo ortopedico? Che garantirebbe solo il turno 8-14 ? Ma stiamo scherzando!? E il direttore sino ad ora dove stata? Su Marte? Quando la risolve la carenza di personale in alpi a 70 euro l’ora? Giustamente se non ci mangiano……..

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito