AttualitàGlobal

Coldiretti: sistema di bonifiche ha retto ad un gennaio piovoso

Nonostante il picco di pioggia del mese di gennaio, non si sono verificati disagi

Gennaio piovoso con temperature in calo, ma ha retto il sistema di bonifiche. Lo stima Coldiretti Salerno. A gennaio sono caduti 167 mm di pioggia rispetto ai 140 del 2018, con temperature in picchiata dai 13.3 gradi di media del gennaio scorso ai 9 di quest’anno.

“La risposta dei Consorzi di bonifica è stata immediata ed efficace, il sistema ha retto perfettamente – sottolinea Vito Busillo, presidente di Coldiretti e del Consorzio di Bonifica Destra Sele che, sottolinea l’importanza della gestione quotidiana del sistema di bonifica e di una cultura della prevenzione del rischio. “Per proteggere il territorio non bastano le opere, che comunque nella Piana del Sele ma in generale in tutta la provincia ci sono e sono imponenti, bisogna anche farle funzionare con una manutenzione quotidiana dei canali, delle vasche e di tutto il reticolo idraulico”.

Nonostante il picco di pioggia del mese di gennaio, non si sono verificati disagi. Nella Piana del Sele, in particolare, funziona il nuovo regolamento per la costruzione delle serre che, di fatto, ha consentito di aumentare i tempi di corrivazione e di diminuire i coefficienti di afflusso delle acque scongiurando allagamenti nelle aree agricole. Nella sola Piana del Sele si hanno 6500 ettari di serre, tra cui quasi 400 ne sono state costruite solo nell’ultimo anno. Tradotto in numeri, significa 65 milioni di metri quadrati di territorio impermeabilizzato.

“Grazie alla manutenzione efficace ma soprattutto grazie alle nuove regole per la costruzione delle serre che ha apportato modifiche tecniche strategiche, il rischio idraulico è contenuto nonostante le fragilità di un territorio ad alto rischio idrogeologico. I Consorzi di bonifica – conclude Busillo – sono tra i pochi enti che – sia pure con risorse limitate – ogni anno investono nella difesa del territorio. Un lavoro spesso oscuro ma fondamentale per tutelare da una parte le aziende agricole e dall’altra vaste aree di territorio”.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Katiuscia Stio

Laureata in Filosofia. Inizia l'attività giornalistica nel 1999 collaborando con vari giornali locali, mensili, web e realizzando servizi per una rubrica in onda su Telecolore. E' stata socia di associazioni culturali per la promozione e valorizzazione del territorio di cui ha curato la comunicazione e l'organizzazione e animatrice di gruppi di azione locale. Nel tempo ha collaborato con i quotidiani Cronache, La Città, attualmente è corrispondente de Il Mattino. Dal 2014 entra a far parte della famiglia di Info Cilento.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it