Ascea avrà un suo porto: 7,5 milioni dalla Regione

Un attracco per collegare Velia con le vie del Mare

ASCEA. Tra i progetti relativi alle aree portuali che la Regione Campania ha finanziato (leggi qui), spicca quello presentato dal Comune di Ascea. Non si tratta, infatti, di interventi di riqualificazione, miglioramento o ampliamento di infrastrutture, ma di una realizzazione ex novo.

blank

Velia, quindi, avrà un suo porto, così come nell’antichità. Un’opera importante che darà un impulso notevole anche al turismo. Sono 7,5 i milioni che giungeranno per il Comune cilenano. “Un momento storico” lo ha definito il sindaco Pietro D’Angiolillo. “Ancora una volta – ha aggiunto – l’impegno trasforma in realtà il sogno della nostra comunità”.

Il progetto per la realizzazione di un approdo era stato presentato l’estate scorsa, a valere sui fondi del Cipe. Oltre ad essere un punto di ormeggio permetterà anche l’attracco di imbarcazioni di piccole o medie dimensioni che garantiranno il collegamento di Velia con le vie del Mare.

Il punto di attracco potrebbe essere solo un primo passo verso un progetto più ambizioso di un “Porto isola”.

Oltre ad Ascea risultano beneficiari di fondi Agropoli, Pollica, Castellabate, Pisciotta, Santa Marina, Casal Velino, Ascea, Ispani, San GIovanni a Piro, Centola e Camerota. I primi cinque progetti sono immediatamente cantierabili, gli altri sono nella fase definitiva.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista in alcune televisioni locali.

4 commenti

  1. Sono asceoto ed ho lasciato Ascea da ca. 55 anni fa. Vivo in Svizzera. Nel leggere questa notizia sono rammaricato, Ascea non ha bisognio di un porto, Ascea deve rimanere così come è adesso. L’acqua del mare deve rimanere pulita come è adesso e non sporcarla di olio dei motori dei traghetti. Oggi giorno è la prima cosa salvare l’ambiente e le acque del mare !!! Spero che questo progetto del porto non sarà mai realizzato e pensare alla NATURA e al nostro pianeta terra.

    1. Non serve un porto a VELIA, serve la pulizia delle SPIAGGE e delle strade, a cinque km abbiamo il porto di Casalvelino. De Luca ha rovinato il litorale Arechi , d ‘ Angiolillo rovinerà VELIA

      1. Invece di rifare la strada ASCEA-TERRADURA una vera vergogna,e trasfomare tante mulettiere in strade,che il popolo attende da decenni.
        La strada ASCEA – CASCALVELINO la dovevate allargare a momento di fare la ciclibile,non l’avete
        fatto e già indirettamente avete causato incidenti mortali e avete sbagliato.
        Andava fatto un accordo con il municipio di Casalvelino,per un ampliamento e riparare una volta per sempre il porto di Casalvelino m.(entrata di sabbia nel porto).
        E evidente che li ci sono mazzette in giro sono troppi gli anni di scavo fondo marino nel porto,ma
        la G.F. se capisse poi lo vedi che scandalo.
        Vedete i PDIDIOTI che scelte disgraziate opposte a quelle della buonanima di Criscuolo A.
        Tanto spreco economico + danno ambientale ecco cosa sanno fare,vanno assolutamente cacciati fuori per incompetenza alla prossime elezioni,sia alla regione che sul comune.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it