Affare Fatto
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Vallo della Lucania: caos accertamenti Imu, Ici e Tarsu. M5S: chiede la sospensione

Contribuenti costretti a dimostrare pagamenti del 2013 e 2014

VALLO DELLA LUCANIA. Con una nota indirizzata al sindaco, Antonio Aloia, i consiglieri del Movimento 5 Stelle, Pietro Miraldi e Anellina Chirico, hanno chiesto l’immediata sospensione degli accertamenti Imu, Ici e Tarsu. “In questi giorni sono pervenuti ai contribuenti di Vallo della Lucania avvisi di accertamento e numerosi risultano errati”, evidenzia Miraldi.

“I contribuenti hanno regolarmente pagato, ma agli uffici comunali non risultano i versamenti – aggiunge – Ora dopo 5 anni i poveri cittadini devono dimostrare l’avvenuto pagamento Motivo? Non è aggiornata la banca dati del Comune. Altro motivo? Può un comune come Vallo della Lucania non avere un assessore al bilancio e tributi?”.

La richiesta riguarda proprio l’imposta sugli immobili e la tassa per lo smaltimento rifiuti relativa agli anni 2013 e 2014. Il Comune ha fissato un termine perentorio di 30 giorni al contribuente per dimostrare l’avvenuto pagamento dell’imposta accertata. Una situazione che sta determinando non poche polemiche in città.

Nell’interrogazione i consiglieri Miraldi e Chirico chiedono la sospensione dei termini perentori, delle sanzioni e che sia onere dell’Ente attivarsi per l’aggiornamento della banca dati.

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito