Affare Fatto
AttualitàCalcioCampionati ProvincialiCilentoSport

Calcio e integrazione. I cilentani del Magnocavallo: una squadra composta interamente da immigrati

La squadra di Ascea milita nel girone F di Terza Categoria

ASCEA. Una squadra composta totalmente da ragazzi di colore, come successo già negli anni passati con i Black Lions di Sicignano degli Alburni. Si tratta del Magnocavallo City, società calcistica di Ascea, inserita nel girone F di Terza Categoria, dove, dopo quattro turni, ha racimolato cinque punti in classifica con undici rete segnate e dieci subite.

Abbiamo raggiunto, per conoscere meglio questa realtà, Vincenzo Abbagnale, presidente della formazione cilentana. “La nostra squadra milita in Terza Categoria ormai da alcuni anni. Al termine dello scorso campionato svincolammo tutti i calciatori – spiega – perché buona parte di essi hanno formato una nuova squadra. Cosi dovendo partire con un nuovo gruppo abbiamo fatto la scelta di far giocare i ragazzi del centro di accoglienza di Ascea, l’Helios Club di Fernando Cammarano. Non è stato facile, abbiamo lavorato su questo progetto, per renderlo possibile, per oltre due mesi, la soddisfazione è stata però grande visto che i ragazzi meritavano, erano bravi e cosi li abbiamo tesserati, con grande entusiasmo stiamo partecipando a questo campionato”.

Abbagnale ringrazia il tecnico, il mister D’Angiolillo, “che da oltre quarant’anni fa calcio ad Ascea, con grande passione: lui ci guida ogni anno e la sua competenza ci porta a fare discrete stagioni. Io, da grande amante del gioco del calcio, sono felice aver intrapreso questo nuovo percorso dando una piccola opportunità, visto che il nuovo gruppo è formato davvero da bravi ragazzi”.

Eppure inizialmente non sono mancate perplessità, rivela il massimo dirigente del Magnocavallo City: “Sono onesto: in me c’era uno scetticismo iniziale, mi sono dovuto ricredere, questi sono dei giovani volenterosi, con voglia di fare e buone doti tecniche e in campo si vede che danno il tutto per tutto. A mio avviso andrebbero inseriti ancora in maniera più decisa nella nostra società”.

Tags

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito