Tolomeo
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Montecorice: residenze fittizie, Meola chiede chiarimenti

Gli atti saranno inviati all'Agenzie delle Entrate e alla Guardia di Finanza

MONTECORICE. Con una nota protocollata a palazzo di città, il consigliere comunale di minoranza, Rosario Meola, ha chiesto informazioni e chiarimenti relativamente alle residenze registrate nel centro cilentano dal 2012 ad oggi. La richiesta, indirizzata all’ufficio anagrafe del Comune di Montecorice, ha lo scopo di “tutelare l’economia dell’Ente ed avviare futuri controlli agli organi di competenza”.

L’obiettivo è scovare le residenze fittizie “che provocano un danno erariale di migliaia di euro al nostro Comune già in grosso affanno”, dice Rosario Meola. “Mai nella storia nessun consigliere aveva intrapreso questa strada anche per un tornaconto elettorale – spiega – infatti alle ultime elezioni si sono verificate cose anomale di gente mai vista in paese che veniva votava e ripartiva”.

L’elenco, una volta ottenuto, sarà trasmesso all’Ufficio delle Entrate e alla guardia di finanza oltre che al comando di Polizia Locale “dove il Comandande Napoliello si è reso subito disponibile”, ha concluso Meola.

Tags

9 commenti

  1. Ci sarebbero tanti altri controlli al comune di montecorice…da sempre non ha i soldi per pagare gli addetti alle raccolta del rifiuto!!!!
    Vergognatevi!!!!
    Diamo la dignità perduta ai lavoratori!!!!che lavorano con dedizione e sono trattati così!!!
    Abbiate coscienza!!!!

  2. Bravo meola, ottima iniziativa. Spero che anche i consiglieri di opposizione degli altri comuni prendano esempio da te. Ci credo poco che succederà.
    Con tutte le finte residenze che ci sono, recuperando i soldi non riscossi dell’imu i piccoli centri potrebbo ristrutturarsi da soli.
    Ma qui vige la legge delle prossime elezioni …………………

  3. Sarebbe anche utile che nei mesi estivi in modo particolare e secondo la legge vigente,i proprietari di case affittate a turisti fossero obbligati a comunicare al Comune di appartenenza i nominativi degli ospitati al fine di ordine pubblico e introito nelle casse dello stesso comune della tassa di soggiorno,così come avviene non solo nelle grandi città, ma soprattutto negli altri luoghi di villeggiatura. Quest’anno la Guardia di Finanza ha effettuato migliaia di controlli in tal senso recuperando per conto dei comuni interessati notevoli entrate e ha anche potuto constatare se tra i vacanzieri ci fossero o meno,ai fini di ordine pubblico,soggetti pregiudicati e/o pericolosi.

  4. La guardia di finanza farebbe un grande servizio alla collettività andando a controllare Ascea, Casal Velino, Pioppi e Acciaroli.
    Sono migliaia con un danno erariale elevatissimo. I residenti solo fittiziamente pagano in meno
    ACQUA-ENEL-TARSU-POSTEGGIO BARCA-ASSICURAZIONE (per i residenti nel napoletano).
    I politici locali dormono perchè al momento delle elezioni ne traggono dei benefici.
    Interessate anche la Procura della Repubblica, per tutti i reati che queste persone fanno!!!!!!!

  5. Invece di fare commenti polemici fate cambiare le amministrazioni comunali che non fanno niente per attrarre noi turisti,il cilento sta diventando peggio di Mondragone ecc!!pensate a lavorare che fra qualche anno non serviranno i controlli del Sig Meola perché non verrà più nessuno!!

  6. Ho una casa nel comune di montecorice che utilizzo solo 15 giorni d’estate e devo pagare la tassa sui rifiuti per intero come se fossi residente nel comune. Io la tassa sui rifiuti la pago già nella città dove vivo. Non credo che in 15 giorni posso produrre i rifiuti che produce un residente . Ovviamente queste sono cose che non contano perché serve a fare cassa.

  7. Ho una casa nel comune di montecorice che utilizzo solo 15 giorni d’estate e devo pagare la tassa sui rifiuti per intero come se fossi residente nel comune. Io la tassa sui rifiuti la pago già nella città dove vivo. Non credo che in 15 giorni posso produrre i rifiuti che produce un residente . Ovviamente queste sono cose che non contano perché serve a fare cassa.

  8. Controllate se nell’aquistare casa l’atto notarile è stato fatto come “prima casa” per non pagare tasse di registrazione, facendo una residenza fittizia.
    Se tutti pagano il dovuto anche tu che utilizzi la casa per 15 giorni pagherai de meno…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito