Sapri: trekking senza barriere grazie all’associazione Golfotrek

Con una particolare sedia monoruota anche le persone con ridotta mobilità potranno fare trekking

SAPRI. Fare trekking tra i suggestivi sentieri del Cilento e Golfo di Policastro non è più una “Mission impossible” per chi ha ridotta  mobilità. L’associazione Golfotrek, infatti, ha rotto anche questa barriera. Grazie ad una particolare sedia Joëlette anche le persone con disabilità possono andare alla scoperta di affascinanti sentieri alla scoperta delle bellezze del territorio.

Il servizio è gratuito ed ha preso il via nel week end: a sperimentarlo Sandro Cartolano, consigliere comunale di Roccagloriosa, costretto su una sedia a rotelle dopo un incidente stradale. Ad accompagnarlo lungo il sentiero “Apprezzami l’asino”, che collega Sapri a Maratea, Arturo Sarubbi e Fernando De Luca, presidente e socio di Golfotrek.

Un’esperienza unica che potrà essere replicata grazie alla sedia Joëlette, una carrozzella da fuori strada a ruota unica che permette la pratica di gite o corse ad ogni persona a mobilità ridotta o in situazione di handicap, bambino o adulto, anche se totalmente dipendente, grazie all’aiuto di almeno due accompagnatori: quello posteriore assicura l’equilibrio della Joëlette, l’accompagnatore anteriore invece assicura la trazione e la direzione.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Luisa Monaco

Appassionata di fotografia, studia all'accademia delle arti. Ama scrivere e disegnare, segue la politica e la cronaca del suo territorio.