Majestic
AttualitàVallo di Diano

Dal Marocco a Sanza, la storia di Abderrahim

Quando l'integrazione non ha confini

Nato a Settat in Marocco, Abderrahim è arrivato in Italia nel 2010. Il primo approccio nel nostro Paese lo ha visto spaesato e insicuro ma, la sua tenacia ben presto ha preso il sopravvento e, dopo alcuni lavori saltuari, la provvidenza lo ha portato a Sanza.

Nel piccolo Centro ai piedi del Cervati, Abderrahim ben subito è stato accolto e trattato da “essere umano”, senza quei pregiudizi e luoghi comuni che solitamente in altri posti accompagnano la venuta di extracomunitari. La sua voglia di integrarsi poi, ha fatto il resto. Oggi ha un lavoro dignitoso e conduce una vita al passo coi tempi, ben integrato nella società, spesso lo vediamo in pantaloncini e scarpette inseguire un pallone insieme a tanti suoi amici del posto.

Una storia come tante, di accoglienza, una storia di vita dai risvolti “umani” fatti di dignità e umiltà, di rispetto e di amicizia tra i popoli.

In un periodo di ostilità e di “caccia” all’ extracomunitario, la storia di Abderrahim rappresenta l’eccezione che dovrebbe confermare la regola dell’accoglienza in un Paese dove spesso i migranti non hanno voce, non possono esprimersi, e le loro esperienze positive di integrazione passano in silenzio.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it