Tolomeo
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Castelnuovo Cilento: materiale scolastico in beneficenza? “No Grazie”

Questa scuola non è una comunità bisognosa e non vuole apparire sui social se non per le cose belle, piccole o grandi, che realizza

“L’Istituto Comprensivo di Casal Velino ringrazia ma restituisce al mittente”. Così il Dirigente Scolastico Maria Masella risponde all’anonimo benefattore che nella giornata di ieri ha fatto pervenire in alcuni plessi scolastici dell’Istituto, in particolare a Castelnuovo Cilento, materiale vario: carta igienica, fazzoletti, risme di carta. Lo stesso è stato è invitato a ritirare il tutto.

“Se questo benefattore voleva verificare se la scuola è attenta o superficiale, purtroppo, ci ha trovati impreparati – ha spiegato la dirigente – Abbiamo accolto all’interno di un edificio pubblico e scolastico, materiale non ordinato, né richiesto e privo di mittente. Poteva contenere altro. Potevamo mettere a rischio qualcuno perché, ancora una volta, e sottolineo, ancora, riusciamo ad immaginare la scuola come luogo protetto dove l’unico compito che ci deve vedere impegnati è la formazione. Se voleva dimostrare l’inefficienza della Presidenza o della Segreteria, purtroppo per lui, ha sbagliato”.

La Dirigente Maria Masella, precisa che “non ci sono richieste rimaste inevase, né riferite a questo anno né ad altri anni. Se voleva screditare un Ente Locale, purtroppo per noi, ha fatto una brutta operazione”.

L’I.C. di Casal Velino è interessato da due Comuni. Per quanto riguarda Castelnuovo Cilento, dalla scuola assicurano che “non è mai venuto meno ai suoi compiti. Anzi, si è spinto anche oltre, dove altri avevano difficoltà. E questo non lo dice una Dirigente passionaria ma lo dicono gli atti, sia quelli cartacei, disponibili a scuola, che quelli quotidiani, a supporto della scuola”.

“Come sempre, ancora una volta, non sono le cose positive, che pure sono tante, a fare rumore. Beneficenza: aiuto economico a persone o comunità bisognose. Anonimo Benefattore, questa scuola non è una comunità bisognosa e non vuole apparire sui social se non per le cose belle, piccole o grandi, che realizza. Né vuole essere strumento di altro”, conclude la professoressa Masella.

Tags

7 commenti

  1. Carissima signora Marsella lei dei numeri…ma più di lei lì da qualche amico suo politico,faccio la persona seria…

  2. Carissima signora Marsella faccia la persona seria,lei da i numeri è più di lei lì da qualche amico suo politico,faccia la persona seria…

  3. in questi giorni ho sentito parlare tanto di odio gli avversari politici non odiano contestano.

  4. La professoressa si assume ogni responsabilità dicendo che il comune ha versato i soldi alle scuole , ma che ha chiesto ugualmente che i genitori comprassero dei colori e la età igienica , cara professoressa mi sa che si è incartata , affermando ciò potrebbe essere accusata che i soldi che il comune gli ha stanziato sono stati presi da chi non so !!!! Faccia lei

  5. Non sapevo che si può comprare l’età igienica?dove la vendono?e poi ringraziare il padreterno di non abitare in Venezuela! Perché nel mio paese sono rientrate tante famiglie che abitavano nel Venezuela! La veramente che fanno la fame!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito