Miraldi dalla parte dei dipendenti Yele licenziati

"E' un fallimento dell’intero territorio"

VALLO DELLA LUCANIA. “Il licenziamento collettivo di circa 40 dipendenti della Yele è un fallimento dell’intero territorio”.
A dirlo è Pietro Miraldi, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle a Vallo della Lucania.

Nei giorni scorsi è arrivata la notizie dall’avvio delle procedure di licenziamento da parte del neo commissario Massimo Di Pietro.

“Sicuramente il liquidatore non poteva fare diversamente oramai la società non ha senso di esistere in quanto tutti i comuni hanno fatto scelte diverse nonostante molti fossero soci”, dice Miraldi che ricorda di aver fatto pervenire per suo tramite una lettera dei lavoratori al ministro Luigi Di Maio, “che spero prenderà a cuore il destino di persone che hanno perso il lavoro per colpa di una gestione scellerata da parte di amministratori che da sempre hanno avuto come unico obiettivo il raggiungimento di interessi personali”.

“Non sono immuni da colpe tutti i Sindaci che non hanno fatto niente per evitare questo fallimento”, aggiunge Miraldi.

Sono vicino ai lavoratori, lo sono sempre stato quando anni fa ho denunciato lo stato di gestione della società.
Non comprendo ancora perché il silenzio di tutti l’ha avuta da padrone. Bravi…chiedete almeno scusa”, chiosa il consigliere comunale.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Un commento