Ascea: sindaco ordina manutenzione del verde

Multe fino a 600 euro per chi non provvede

ASCEA. Il sindaco Pietro D’Angiolillo ha firmato un’ordinanza con la quale impone ai proprietari e conduttori di terreni o aree confinanti con strade provinciali, comunali, vicinali di uso pubblico, marciapiedi, piste, ciclopedonali, parcheggi pubblici o di uso pubblico, posti nel centro abitato, di provvedere alla manutenzione del verde.

In particolare si ordina il taglio di tutte le piante esistenti e di ogni alberatura che per essiccamento o forte inclinazione risulti pericolosa per la circolazione stradale, anche in previsione di eventi meteorologici intensi; la potatura regolare di siepi e piante radicate sui fondi che invadano i confini della proprietà stradale o che provochino restringimenti della carreggiata, limitazione delle visibilità o della leggibilità della segnaletica; la rimozione immediata dalla sede stradale e da aree pubbliche di alberi, ramaglie e terriccio provenienti dai propri fondi; il consolidamento e la manutenzione delle ripe prospicienti opere murarie presenti lungo le strade.

C’è tempo fino a metà maggio per procedere alle opere di manutenzione; per i trasgressori previste sanzioni da 155 a 624 euro.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

5 commenti

  1. Se non possiamo fermare il mare possiamo evitare di peggiorare la situazione con le nostre azioni.

  2. Bravo Sindaco:
    Ci voleva un’ordinanza come questa! Lo posso dire io che ho fatto l’operatore ecologico lo schifo che ogni mattina a Marina di Ascea si e costretti di andare a pulire sempre le solite strade che per colpa dei maestosi alberi, e delle numerose siepi che non vengono potate, e che in numerose stradine del paese, I Ramirez odtacolsno Il psssaggio pedonale sui marciapiadi.e quante volte gente scostumata ci richiamava se qualche giorno noi non andavamo a pulire!! Che faccia tosta!!! Ha fatto bene, anzi benissimo a fare questa ordinanza. Qualcuno ironizza dicendo chi fermerà il mare! Io mi domando invece! Chi doveva fermare questa scostumatessa?? Si vuol dire che non ha fatto bene il Sindaco a emanare questa ordinanza? Ha fatto benissimo! molto bene! Il mare chi lo fermerà? Sta a noi essere umani ad avere rispetto dell’ambiente. Questi fenomeni catastrofici, sono le colpe di noi esseri umani, se i ghiacciai si stanno sciogliendo a macchia d’olio e colpa nostra. Ecco chi deve fermare il mare! Mi augura che si fermerà fecero il mare! Ma fra non molto, molti litorali spariranno!

  3. Qui ad Abano funziona così anzi ti dirò di più…tutti i negozi alla chiusura devono lasciare pulita l’area antistante tutte le vetrine di pertinenza. Chi passeggia la sera, a negozio chiuso, deve trovare pulito e qui chiudono alle 19.30. Estendere anche ai negozi l’ordinanza e anche Il giorno del mercato tutte le bancarelle devono pulire la loro piazza e non far volare tutto sulla spiaggia o per strada essendo zona ventilata. Naturalmente il Comune fornirà i cassonetti grandi dove depositare tutto. Poi passeranno gli addetti per completare e spazzare. Un caro saluto Maria Bertolini.

  4. Nn sanno fare le multe alle macchine figuriamoci se sono capaci per questo . Solito bla bla bla e poi ognuno fa che vuole . Quante cretinate vengono solo dette. Ci sarebbe da controllare e sbattergli la realtà in faccia