AttualitàCilentoIn Primo Piano

Crisi del commercio ad Agropoli, Malandrino: necessario riaprire il corso al traffico

Advertisement

“Non possiamo essere complici di una lenta agonia”

“La capitale del Cilento, che doveva essere cuore pulsante dell’economia e della sua anima commerciale e doveva diventarne il fulcro, vive oggi uno dei momenti più bui e drammatici della sua storia economica, la chiusura di tante attività ne sono la certificazione autentica. Il centro, il lungomare S. Marco, via De Gasperi, via Pio X , e tante altre zone sono ormai lo spettro di quella che era la Agropoli degli anni 70/80/90 dove fiorivano attività, aprivano negozi, si avviavano attività artigianali ed eno-gastronomiche.Di tutto questo, resta solo il ricordo”. Parole di Emilio Malandrino, coordinatore cittadino di Forza Italia che punta il dito sulla crisi del commercio in città.

“Agropoli è diventata terra di conquista di grandi centri commerciali, di attività gestite da esercenti stranieri dove, sempre più frequentemente, addirittura i nostri giovani provano a trovare lavoro, di attività speculari fra di loro gestite da persone provenienti da altra regione che , sembra, non possano giustificare, considerata la esigua vivacità commerciale, la stessa resistenza e permanenza – sostiene Malandrino – Non si può certamente addossare solo ed esclusivamente parte della colpa alla gestione politico- amministrativa dell’ultimo decennio, ma, anche essa ha fatto la sua parte contribuendo a questo.Garantire la facilitazione a tutto ciò, omettere, a volte, i necessari e dovuti approfondimenti e controlli, ridurre al minimo gli accertamenti propedeutici ed il rispetto delle regole hanno fatto il resto”.

Secondo l’esponete di Forza Italia è necessario intervenire: “ sarebbe giusto raddrizzare il tiro ed impostare una politica commerciale con indirizzi diversi, avviare un dialogo tra amministrazione e comparto del commercio, riattivare il famoso ed indispensabile Assessorato al Commercio chiamato a vigilare sull’intero settore”. La prima soluzione? La riapertura al traffico dell’isola pedonale “ per dare così alle attività di quello che una volta era considerato il salotto della city il giusto respiro, una forza ed un impulso nuovo per tanti commercianti che ancora ci credono e sperano in una ripresa possibile con coraggio e determinazione”.

“Noi non possiamo essere complici di una lenta agonia e di una morte annunciata. – conclude Malandrino – Siamo convinti e crediamo nell’efficacia e nella indispensabile necessità della Riapertura di Corso Garibaldi al traffico e/o, in alternativa, una riapertura parziale e periodica, ad orari limitati, dell’isola pedonale come esiste in tante città”.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

7 commenti

  1. Non sono di Agropoli: non capisco perché vi affidate ad un un avvocato malandrino. C’è bisogno di onestà non di malandrini. Mah davvero non vi capisco voi agropolesi

  2. Avete il metro del Mare, avete parcheggi, avete il freccia Rossa mancano i servizi al turista… un infopoint chiuso, un castello chiuso, non date servizi come dei collegamenti tra Paestum lungomare San Marco, Centro di Agropoli, porto, stazione ….. Il commercio è fermo perché c’è la volontà di chi amministra di non prendere provvedimenti in merito e sviluppare alla crescita del paese!

  3. Il problema è che nessuno fa niente, dall’amministrazione ai commercianti, un po’ lo specchio dell’Italia, solo che nel piccolo la situazione è peggio, occorre essere uniti, aprire il corso, dare agio ai commercianti di avere più visibilità e più passeggio, è sicuramente vedere un corso più popolato…. Basta la volontà dell’amministrazione di aiutare i commercianti…

  4. Ma cosa centra riaprire il corso al traffico. Il problema e che se devo fare shopping vado a Salerno nei grandi centri commerciali perchè qua non offrono nulla, poi mettiamoci 7/8 negozi di indiani e abbiamo la risposta al mancato commercio agropolese. Come dice l’utente sopra mancano i collegamenti, castello chiuso, porto che potrebbe essere un centro di “vita” rimane vuoto…La crescita al paese parte dal turismo e non dalle strade che oggi come oggi sono letteralmente a pezzi. Trentova abbandonata, lungomare un disastro dopo il ripescimento e fornace misteriosamente chiusa dopo l’inaugurazione di 2 anni fa circa. Iniziate da qua. I miei amici e parenti quando vengono qua vanno in giro per il cilento. Datevi una risposta da soli.

  5. Scusate ma veramente mi sembra una cosa poco bella aprire un corso. Perche’ si dovrebbe distruggere un cittadino francese? Per voi sarebbe bello se qualcuno di una cittadina d’oltralpe lanciasse un appello per aprire un campano, un sardo o un lucano? E poi vi lamentate perché non vengono turisti stranieri dalle vostre parti. Basta con la violenza, i corsi non si “aprono” ma si accolgono e si accudiscono.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!