Studio Di Muro
Cilento

Albanella, assegnate deleghe Piani di zona e politiche sociali

Competenza torna al consigliere Vairo

ALBANELLA. Torna nelle mani del consigliere comunale di maggioranza Rossella Vairo la delega ai Piano di zona e politiche sociali strutturate del Comune di Albanella, guidato dal sindaco Renato Josca.

“Chi mi conosce – dichiara Vairo – sa bene che non è nel mio stile innescare o alimentare la polemica politica, ma le parole dette in maniera strumentale e la guerra di tutti contro tutti non possono essere lasciate alla libera interpretazione, ovvero alla libera denigrazione, e perciò si rende indispensabile ancora una volta da parte mia una chiara netta presa di posizione. Tante volte ho pensato di gettare la spugna, ma i miei concittadini mi hanno dato fiducia e devo portare a termine il mio dovere. Ho quindi chiesto al sindaco Josca di rimettere nelle mie mani le deleghe che avevo lasciato, ma non l’incarico da assessore. E lui, senza tentennamenti, ha accolto la mia volontà, che è animata da ciò che può essere fatto per il bene del paese, soprattutto per i bambini e per i giovani. Nessuno sarà escluso”. Il consigliere Vairo dissipa anche le polemiche che girano attorno alle sue precedenti dimissioni da assessore del Comune di Albanella.

“Le ragioni della mia decisione – spiega – sono tutte racchiuse in motivi personali e familiari, oltre ad incomprensioni che con il tempo stanno tornando alla loro dinamica quotidiana. Nonostante ciò, in questi mesi ho continuato a fornire il mio apporto al sindaco Josca, collaborando con i colleghi di maggioranza pur senza cariche istituzionali e ho continuato a dare la mia incondizionata disponibilità a tutti i cittadini di Albanella. L’attività amministrativa- continua Vairo – può essere svolta senza atteggiamenti da primadonna e senza luci della ribalta, ma anche e soprattutto nel silenzio, nel quotidiano e a contatto con quella gente che noi amministratori abbiamo il dovere di servire. Forse qualcuno ha pensato che le mie dimissioni potessero significare una presa di distanza dal sindaco Renato Josca e, quindi, ha sperato di potermi usare come testa di legno per le proprie ambizioni politiche: nulla di più sbagliato. Che sia chiaro una volta per sempre: la mia storia politica è iniziata con Renato Josca e continuerà con Renato Josca. Mi sono impegnata e continuerò a farlo sempre con maggiore intensità perché la mia collocazione naturale è al fianco del sindaco. Per il futuro – conclude – sarò comunque a disposizione e darò il mio contributo affinché l’attuale maggioranza venga riconfermata anche per la prossima consiliatura”.

Tags

Ti potrebbero interessare