Campania un bando per riqualificare i porti: anche Agropoli spera

Intanto Casal Velino già avviato un progetto di riqualificazione

Un maxi investimento per i porti della Campania: questo il provvedimento varato dalla Giunta Regionale che permetterà, ai Comuni marittimi interessati, di restituire un nuovo volto alle insenature più belle del territorio. La priorità – fanno sapere dalla Direzione Generale – sarà data agli interventi di manutenzione, sicurezza, dragaggio e, infine, funzionalità. L’investimento concesso dalla Regione si aggirerà intorno ai 66 milioni di euro, che saranno incrementati da ulteriori 80 milioni, per un totale di 150 milioni. Ai porti regionali che hanno manifestato la necessità di un intervento – ben 49 -, si potranno aggiungere altri progetti, candidati attraverso il bando disposto dalla Regione.

Occasione ghiotta, questa, per il Comune di Agropoli, che ha l’opportunità di realizzare le migliorie immaginate per il porto cittadino. Durante il sopralluogo effettuato nell’ottobre 2017,  l’assessore al demanio e porto, Eugenio Benevento, il presidente del consiglio comunale, Massimo La Porta, e l’ingegnere Conti, dello studio “Conti e Associati Udine” – che aveva già elaborato un progetto da 25 milioni per l’ampliamento del porto -, avevano immaginato un prolungamento del molo di sopraflutto, che consentirebbe l’accesso a barche di grandi dimensioni, l’eliminazione dell’ingresso della Posidonia nella spiaggia della marina, e, infine, il dragaggio dei fondali. Il Comune aveva, poi, valutato ulteriori interventi per riqualificare il porto, con il prolungamento della vecchia banchina e la realizzazione di palazzine di servizi.

Anche Casal Velino è al lavoro per la riqualificazione del porto della Marina grazie all’affidamento di uno stralcio della progettazione originaria – valutata circa  189.802,89 euro – pari a 3,5 milioni di euro e relativa alle opere di navigazione interne e portuali. 

 

CONTINUA A LEGGERE

Antonella Capozzoli

Si laurea nel 2013 in Lettere Moderne e nel 2016 consegue la specialistica in Filologia Moderna col massimo dei voti. Collabora all'organizzazione del Convegno Internazionale Boccaccio Angioino ( 2013) presso l'Università degli studi di Salerno. Pubblica il saggio " Il Decameron, la Fortuna e i mercatanti della seconda giornata" sulla rivista semestrale di letteratura e cultura varia " Misure critiche" ( 2014).

Sostieni l'informazione indipendente