Agropoli: al via i lavori al castello. 140mila euro per tre nuovi locali

Questa mattina al via gli interventi

AGROPOLI. Hanno preso il via questa mattina, come programmato, i lavori per la riqualificazione del castello angioino-aragonese.

Presso l’antico maniero verranno eseguiti interventi per circa 140mila euro, derivanti da un finanziamento regionale: una parte destinato all’organizzazione di eventi, un’altra ad opere strutturali che serviranno per il palazzo Sanfelice. In particolare verranno recuperate tre stanze dell’edificio che per gran parte è ridotto ad un rudere.  In questo modo il castello avrà a disposizione nuovi locali per eventi, mostre esposizioni ed altre manifestazioni, seppur di dimensioni minori rispetto alla Sala dei Francesi.

L’apertura del cantiere ha imposto la chiusura del castello anche se si punta a ridurre i disagi al minimo, limitando l’area cantiere. Il recupero di tre locali al pian terreno del Palazzo Sanfelice rappresenta soltanto un primo intervento, per riqualificare l’edificio di due piani, alle spalle del quale sono anche presenti due delle tre torri del castello, locali interrati e un lungo corridoio. Poterlo recuperare interamente significherebbe dotare la struttura di ambienti spaziosi e al coperto. Per questi interventi erano stati chiesti fondi per circa 5 milioni di euro alla regione Campania.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.