La denuncia: compromessa l’area dunale di Santa Maria di Castellabate

“Necessario tutelare gli ecosistemi dunali”

“Duna di S.Maria di Castellabate? Ei fu!”, cosi’ esordisce Paolo Abbate, esponente del WWF.

Abbate denuncia la condizione in cui versa l’area dunale che sarebbe stata compomessa dalla mano dell’uomo.” Erosione irreversibile, torrenti tombati, lidi balneari, camping, ville private sulla spiaggia, se la sono divorata in pochi anni- dichiara il rappresentante WWF- Adesso quei relitti rimasti di duna, un tempo fiorita di giglio di mare, sono stati trasformati in aiole dove crescono essenze non autoctone, evidentemente piantate da chi conosce poco l’importanza di tutelare la biodiversità”.

Chiara la posizione dell’ambientalista che esprime il suo dissenso su come è stata gestita l’area dunale:”Due torrenti che scendono dal monte Tresino, che trasportavano a mare quei sedimenti necessari al ripascimento della spiaggia, sono stati canalizzati o quel che peggio tombati”.

“Considerando questa situazione disastrosa per ecosistemi di grande valore naturale e paesaggistico – avverte Abbate – occorre difendere con le unghie e con i denti gli ecosistemi dunali ancora esistenti n nel Cilento e il suo Parco nazionale, rinaturalizzandoli e tutelandoli.”

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Debora Scotellaro

Laureanda in Sociologia.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!