L’allarme dell’Anpana: a Castellabate interrati rifiuti pericolosi

Sotto i riflettori l’isola ecologica. L’amministrazione: «Area pulita, l’Arpac ci dà ragione»

CASTELLABATE. «Nell’isola ecologica di Castellabate potrebbero essere interrati rifiuti pericolosi». A lanciare l’allarme il comando provinciale dell’Anpana, l’Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente, guidata da Vincenzo Senatore. Alla base della denuncia l’alto tasso di morti per tumori: da qui è partita una attività di ricerca dalla quale è stato possibile produrre un dossier inviato alla Procura della Repubblica competente. «Attraverso le indagini abbiamo scoperto che in zona ci sono stati 24 decessi per malattie tumorali mentre ad oggi sono 9 i casi di malati in cura. Si può quindi pensare che i casi di tumore siano riconducibili alla presenza di materiale pericoloso nell’isola ecologica», evidenziano dall’associazione.

Le guardie ambientali ritengono che «l’isola ecologica risulta essere stata ubicata troppo vicino al centro abitato di San Marco, favorendo forse l’insorgere della malattia: sarebbe giusto – concludono – spostare il tutto in una zona lontana dagli abitati».

L’amministrazione comunale di Castellabate, però, respinge le accuse. «L’isola ecologica è il nostro fiore all’occhiello e un esempio per il Cilento tutto – dice l’assessore all’ambiente Domenico Di Luccia – abbiamo in passato provveduto a bonificare l’area, rimuovendo e stoccando adeguatamente alcune lastre di amianto che incivili avevano abbandonato in un terreno, non di nostra proprietà, attiguo al sito».

Anche l’Arpac, evidenziano da palazzo di città, ha escluso la presenza di materiali pericolosi.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

2 commenti

  1. In realtà l’Arpac non ha potuto negare la presenza di metalli pesanti nelle falde acquifere della zona. In consiglio comunale, quando sollevammo il problema dalla minoranza fummo chiamati sciacalli e mi fermo per amor di patria

  2. Ammetto l’errore e me ne scuso ma avevo capito stessimo parlando di Piano Melaino che presenta le problematiche evidenziate. Non ho elementi di valutazione sulla attuale Isola Ecologica. Ribadisco le mie scuse.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!