Cilento: ancora dati positivi per la qualità del mare

Piccolo passo indietro solo per Capaccio Paestum e Sapri

Piccolo passo indietro per Capaccio Paestum e Sapri, conferma per tutti gli altri comuni della costiera cilentana. E’ quanto rivelano gli ultimi rilevamenti dell’Arpac relativi alla qualità del mare. I prelievi sono stati effettuati nella metà di luglio ad un mese di distanza dai precedenti che avevano fatto registrare un vero e proprio record.

Negli oltre 100 chilometri di costa del Cilento, infatti, tutti i comuni avevano fatto segnalare una qualità “Eccellente” del mare, ad eccezione di Capaccio Paestum, presso Villaggio Merola, dove la qualità dell’acqua risultava comunque al di sopra della sufficienza, classificandosi come “Buona”.

I dati di luglio, invece, confermano l’eccellenza su tutti i tratti di costa di Agropoli, Castellabate, San Mauro Cilento, Montecorice, Pollica, Casal Velino, Ascea, Pisciotta, Centola, Camerota, San Giovanni a Piro, Santa Marina, Ispani e Vibonati, ma vedono fare un piccolo passo indietro a Capaccio Paestum e Sapri.

Nella città dei Templi, infatti, oltre Villaggio Merola anche Ponte di Ferro ha fa registrare una classificazione “Buona” e non più eccellente. Stesso discorso a Sapri dove è il Lungomare a fare un piccolo passo indietro.

Il litorale del Cilento, però, è comunque promosso a pieni voti, la balneabilità è consentita ovunque.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Sostieni l'informazione indipendente