AttualitàCilentoIn Primo Piano

Crisi idrica in Cilento: nulla di fatto dopo il tavolo in Prefettura

Enti assenti al tavolo tecnico

L’estate si avvicina e la paura di una crisi idrica si fa sempre più concreta. La Consac, la società che gestisce il servizio in gran parte del Cilento e Vallo di Diano, ha da tempo lanciato l’allarme conseguente alla scarsità di piogge. Anche l’Asis, che gestisce la rete nell’area nord del Cilento e nella Piana del Sele, aveva segnalato la possibilità di disagi.

Si sperava potessero arrivare delle risposte a questi problemi già oggi, a margine di un incontro in Prefettura. Al tavolo del viceprefetto vicario Giuseppe Forlenza, però, si sono presentati soltanto Consac e Protezione Civile Regionale. Assenti invece Regione e Provincia, autorità d’ambito Sele e consorzi Velia e Vallo della Lucania. Inutile proseguire la riunione che è stata quindi aggiornata.

Durante l’incontro la Consac ha comunque ribadito la necessità di attingere dalla sorgente del Faraone andando oltre il quoziente minimo vitale del fiume previsto dalle norme per limitare i disservizi. Tuttavia questa ipotesi è percorribile solo con l’assenso dell’ente regionale risultato assente. Si spera in un ulteriore incontro tra le parti, prima dell’arrivo della stagione estiva, per evitare che l’estate 2017 possa essere caratterizzata dall’assenza d’acqua

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Luisa Monaco

Appassionata di fotografia, studia all'accademia delle arti. Ama scrivere e disegnare, segue la politica e la cronaca del suo territorio.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it