Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Cronaca

Cilento: salvati animali detenuti irregolarmente e pronti alla macellazione

Cilento: salvati animali detenuti irregolarmente e pronti alla macellazione

I controlli sono stati effettuati da carabinieri e guardie dell’Enpa

I controlli sono stati effettuati da carabinieri e guardie dell’Enpa

LAUREANA CILENTO. Durante lo svolgimento di una serie di servizi volti alla ricerca di allevamenti abusivi, le guardie dell’Enpa di Salerno ed i Carabinieri di Torchiara guidati dal Comandante di Stazione Giuseppe Gambina e diretti dal Capitano Francesco Manna hanno provveduto a salvare alcuni animali pronti ad essere venduti per la macellazione e commercializzazione della carne in occasione dell’imminente periodo Pasquale.

Tali esemplari di tenera età (meno di trenta giorni) erano barbaramente detenuti all’interno di gabbie anguste di ristrette dimensioni, tali da non consentire agli stessi la libertà di movimento, inoltre vi erano casi di sovraffollamento, e le gabbie risultavano conformi alla detenzione di specie più piccole quali conigli o polli. Tali tecniche vengono ancora oggi crudelmente usate in quanto l’animale non avendo molta libertà di movimento tende ad accumulare peso più facilmente. Ne risulta quindi un mero scopo economico, un sistema in cui la Vita degli animali conta solo come fonte di reddito.

Gli accertamenti condotti anche dal servizio veterinario competente chiamato successivamente, oltre al veterinario dell’ENPA presente sul posto, ha consentito di accertare numerose anomalie amministrative otre a quelle di natura penale e pertanto il responsabile è stato immediatamente deferito all’autorità giudiziaria competente che ne ha disposto l’immediato sequestro degli esemplari oggetto di maltrattamento per i quali l’ENPA si adopererà per la loro futura sopravvivenza.

“Ringraziamo i Carabinieri di Torchiara ed il personale ASL per la loro competenza e professionalità – commenta la Protezione Animali di Salerno – e con l’occasione ricordiamo a tutti i cittadini che gli agnelli sono soltanto bambini di un’altra specie, e come tali, vorrebbero stare con le loro madri e crescere liberi, non finire nei nostri piatti. I servizi di questo tipo proseguiranno fino alle festività su tutta la provincia”.

Clicca qui per commentare

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Correlati

Top