Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Ciccimmaretati - Stio
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Attualità

Anche a Roccadaspide via libera al cognome della madre per i figli

Anche a Roccadaspide via libera al cognome della madre per i figli

Prima richiesta poche settimane fa: un bambino avrà il doppio cognome

Prima richiesta poche settimane fa

Anche a Roccadaspide è possibile attribuire ad una nascituro sia il cognome paterno che quello materno. Sono stati i genitori di un bimbo nato qualche settimana fa e registrato all’Ufficio anagrafe di Roccadaspide a farne per primi richiesta. È il frutto di una sentenza della Corte Costituzionale del novembre 2016, secondo la quale “in caso di accordo al momento della nascita, i genitori hanno diritto a registrare il neonato con il doppio cognome, con il cognome materno che segue quello paterno. In assenza dell’accordo dei genitori, resta valida la generale previsione dell’attribuzione del solo cognome paterno”. Viene meno, quindi, la “norma implicita” secondo la quale ai figli nati nel matrimonio va attribuito soltanto il cognome paterno.

La storica decisione nasce dal ricorso di una coppia italo-brasiliana residente a Genova che aveva chiesto di poter registrare il proprio bambino con il doppio cognome. Fino a questo momento in Italia l’unico modo per ottenere il doppio cognome era quello di fare richiesta al Prefetto, come nel caso di cognome ridicolo o offensivo: tuttavia la concessione è sempre stata a discrezione. Ora cambia tutto: essendo l’applicazione della sentenza immediata, l’ufficiale dello stato civile dovrà accogliere la richiesta dei genitori, al momento della nascita o anche dell’adozione di un bambino; il Ministero dell’Interno ha dato ai comuni italiani opportune direttive, sollecitando i sindaci affinché le richieste dei genitori vengano accolte senza indugio.

Certo, non sarà facile sradicare una tradizione che dura da sempre: infatti la scelta del doppio cognome comporta una attenta valutazione sugli effetti della scelta stessa. Sebbene la sentenza possa essere intesa come una forma di emancipazione soprattutto per il mondo femminile, non è detto che venga presa in considerazione da tutti. Il doppio cognome, infatti, potrebbe comportare sia un cognome troppo lungo che costringerebbe la persona che lo porta a firme molto lunghe, sia una disparità tra fratelli già nati che si ritroverebbero con un cognome parzialmente diverso.

Sicuramente si tratta di un cambiamento importante che, anche per chi non ha intenzione di attribuire il doppio cognome al proprio figlio, sarà valutato come un’opportunità di scelta che finora era negata.

Altri contenuti

Top