Confetti Maxtris
Confetti Maxtris
Ciccimmaretati - Stio
Hard and Soft House
Scuola Nuova
Attualità

Alberghi in crisi, nel Cilento record di strutture all’asta

Alberghi in crisi, nel Cilento record di strutture all’asta
Alberghi in crisi, nel Cilento record di strutture all’asta

Ecco i dati del Centro Studi Sogeea

Le strutture ricettive italiane sono in crisi. Quelle all’asta in Italia sono aumentate del 21% in sei mesi Il record? E’ in provincia di Salerno con 18 procedure in corso che riguardano alberghi, bed & breakfast, motel, campeggi e simili. La situazione più critica è tra Cilento e Piana del Sele. A Capaccio Paestum, sono ben 5 le procedure aperte. Tutte le altre, eccezion fatta per Bracigliano, Nocera, Eboli e Montecorvino Pugliano, riguardano il comprensorio cilentano: Ispani, Ceraso, Perdifumo, San Mango, Ascea, Camerota.

Complessivamente in tutta Italia sono 217 le strutture ricettive avviate alla vendita all’asta, a fronte delle 179 rilevate nel luglio 2016. La diminuzione di oltre il 7% evidenziata nel primo semestre dello scorso anno, quindi, non è stata confermata. Anzi, la tendenza ha subito una decisa inversione di marcia secondo il rapporto semestrale sulle aste immobiliari del Centro Studi Sogeea, che è stato presentato in Senato.

Il Sud registra la situazione peggiore: +50% rispetto alla scorsa estate. Tra le Regioni in testa l’Emilia Romagna con il +71%; la Campania è al +68%.

«A pagare dazio sono soprattutto le realtà imprenditoriali di dimensioni contenute – spiega Sandro Simoncini, presidente di Sogeea e direttore del Centro Studi – il 55% dei complessi turisticoricettivi attualmente all’asta ha un prezzo inferiore al milione di euro.

Ovviamente anche la crescita del numero assoluto di strutture in difficoltà non può che preoccupare».

Commenti

Altri contenuti

Top