Cilento, mettere in sicurezza la scuola costa troppo: sarà abbattuta e ricostruita

Il sindaco: “avremo scuola più bella e accogliente”

CASTELNUOVO CILENTO. L’edificio scolastico sito presso la frazione Velina è oggetto di lavori di manutenzione e adeguamento secondo i criteri antisismici . Tali interventi sono però troppo onerosi e, secondo una relazione, addirittura superiori a quelli di abbattimento e realizzazione ex-novo di un edificio. Il progetto per la creazione di una nuova struttura è stato accettato dal Ministero e quindi finanziato. A dare la notizia è il primo cittadino di Castelnuovo Eros Lamaida: «Per ottenere il cambio di intervento è stato necessario dimostrare alla Protezione Civile e al MIUR che la scelta, maturata anche in seguito agli incontri avuti, insieme al nostro tecnico comunale Pasquale D’Agosto con la Regione ed in particolare con il funzionario tecnico Francesco Oliva e la Task Force di Edilizia Scolastica composta dai tecnici Francesco Iacobucci, Pasquale Cioffi, Giuseppe Coppola e Vittorio Lieto, era economicamente e tecnicamente conveniente». Il parere favorevole è arrivato e a breve potranno partire l’abbattimento dell’edificio esistente e la creazione di una nuova struttura. «È un sogno che si realizza – continua emozionato il primo cittadino – abbiamo rischiato, abbiamo scommesso su un progetto e abbiamo vinto. Avremo una nuova scuola, più bella, più accogliente, più efficiente e soprattutto più sicura per i nostri bambini. Spero che da qui in poi – conclude – anche altre amministrazioni possano intraprendere lo stesso cambio di rotta al fine di poter consegnare alle future generazioni un’Italia migliore e più vivibile, sotto ogni punto di vista»

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Arturo Calabrese

Appassionato di giornalismo dai tempi del liceo, si occupa di cultura ed eventi, non disdegnando la cronaca e l'attualità. Per InfoCilento conduce programmi televisivi. È collaboratore del quotidiano "la Città", di televisioni locali e del blog #mifacciodicultura. Laureando in beni culturali impiega il poco tempo libero nel volontariato con la Fondazione Telethon