Nomasvello
In Primo PianoPolitica

Sapri: strutture pubbliche affidate a privati, è polemica

La minoranza: oscuri interessi privati prevalgono sulla trasparenza e le tradizioni locali

SAPRI. Tra poche ore il cineteatro ‘Ferrari’ riaprirà i battenti dopo circa vent’anni di inattività. La gestione è stata affidata alla Graficamente s.r.l. di Napoli, selezionata attraverso bando pubblico. Nonostante questo sia un giorno importante per il centro del Golfo di Policastro non sono mancate polemiche. Ad alzare i toni il gruppo di minoranza “Insieme per Sapri” che punta il dito proprio contro l’affidamento a privati delle strutture pubbliche. A finire nel mirino il cineteatro, “un regalo fatto agli amici degli amici” e la casa del “Buon Pastore”. Quest’ultima, infatti, già nei mesi scorsi era stata al centro delle polemiche per la volontà palesata dall’amministrazione comunale di affidarla in gestione. Questa ipotesi è stata ribadita di recente in un’altra delibera di giunta con la quale si è votato per la “Valorizzazione dell’edificio del Buon Pastore mediante concessione a terzi”. Sul caso non sono mancate nuove critiche. “Ancora una volta oscuri interessi privati prevalgono sulla trasparenza e le tradizioni locali”, accusano dal gruppo “Insieme per Sapri”.

Il “Buon Pastore”, evidenziano dalla minoranza consiliare, è una “Istituzione comunale da sempre egregiamente gestita dalle suore Bigie Elisabettiane del terzo ordine francescano; la giustificazione di una presunta impossibilità delle stesse a gestirlo non trova traccia negli atti comunali”. Di qui il nuovo appello affinché l’edificio non venga affidato a terzi e l’invito “a tutte le persone per bene, alle istituzioni religiose, politiche e sindacali e alle associazioni cittadine ad adoperarsi con noi perché questo scellerato disegno vada in fumo”.

Tags

Ti potrebbero interessare

Back to top button
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it