Cilento: cinghiale sarebbe stato avvistato in mare. Gli agricoltori: ci autorizzino a spararli

L’appello: si faccia come in Liguria. Agricoltori cercano il via libera per sparare ai cinghiali

Cresce sempre di più il fenomeno della presenza di cinghiali in Cilento. Gli ungulati ormai si avvicinano senza timore ai centri abitati e finanche in spiaggia. Nei giorni scorsi un esemplare sarebbe stato avvistato addirittura in mare, ad Acciaroli e in molti hanno sgranato gli occhi.

Intanto gli agricoltori si appellano nuovamente al Parco del Cilento e alla Regione Campania affinché mettano in pratica azioni concrete per contrastare la diffusione dei cinghiali, come è avvenuto anche in Liguria. Qui, su proposta dell’assessore regionale all’agricoltura Stefano Mai, è stato dato il via libera a nuove  disposizioni per difendere le coltivazioni ‘a frutto pendente’ come uva o pomodori da questi animali: gli agricoltori liguri potranno prendere il fucile e uccidere i cinghiali che grufolano nelle loro proprietà. Inoltre è stato fatto appello ai comuni affinché “si dotino di ordinanze per gli interventi di controllo, anche di abbattimento, con il coordinamento di guardie venatorie”.

Lo scorso anno un’ordinanza simile era stata adottata dal sindaco di Ottati Eduardo Doddato.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.