Cilento: maxi sequestro di reti da pesca

Circa trenta chilometri di spadare sequestrate: catturavano anche specie protette. E’ caccia ai pescatori di frodo

Spadare nelle acque del Golfo di Policastro, da Palinuro a Sapri ma anche più a sud, fino ad arrivare in Basilicata e Calabria. Reti capaci di catturare qualsiasi pesce, ma anche tartarughe, delfini e balene. A scoprirle gli uomini della guardia costiera di Palinuro, coordinati dalla Capitaneria di Salerno. Il tutto è finito sotto sequestro. Il blitz ha permesso di scoprire una vera e propria minaccia per il mare, lunga quasi trenta chilometri. Da anni le spadare sono vietate in gran parte dei paesi dell’area del Mediterraneo: benché realizzate per catturare i pesci spada, il loro uso causa la morte anche di altre specie marine in pericolo, quali le tartarughe marine ed i cetacei.

blank

I guardiacoste sono sulle tracce dei pescatori di frodo.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it