Struttura pericolante, il Tar da ragione al comune: va abbattuta

I proprietari avevano presentato ricorso contro l’abbattimento di palazzo Polti, per i giudici amministrativi il comune ha ragione.

“Ancora una volta trionfa la legalità e la giustizia, a dimostrazione del fatto che l’amministrazione Fortunato ha sempre agito ed agirà sempre a favore del bene comune e mai contro di esso, nel completo rispetto della legge e della liceità”.

Così il sindaco di Santa Marina Giovani Fortunato ha commentato l’ordinanza del Tar Campania – sez. Salerno, che ha rigettato di fatto il ricorso presentato contro il Comune per l’abbattimento di una struttura pericolante e abbandonata, ubicata nel centro storico del paese.

Il fabbricato rappresenta un pericolo per la pubblica e privata incolumità, dato che già nel 2013 si è verificato il primo crollo di un pezzo di balcone staccatosi dall’edificio, per questo, onde evitare il ripetersi di questo genere di eventi, l’esecuzione in danno dei lavori di demolizione non è ulteriormente rinviabile e sarà eseguita, secondo l’ordinanza sindacale n. 24 del 29 agosto 2013, il giorno 21 giugno 2016 a partire dalle ore 10.00, dalla ditta affidataria dei lavori Energy Costruzioni srls.

Considerati, inoltre, i ben noti episodi di intralcio verificatisi in data 16 maggio 2016, è stato richiesto l’ausilio delle forze dell’ordine di competenza al fine di consentire la materiale esecuzione dei lavori in danno previsti dalla predetta ordinanza.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.