Ascea, Tari ridotta. D'Angiolillo: "segnale forte in favore delle fasce deboli" - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Ascea, Tari ridotta. D’Angiolillo: “segnale forte in favore delle fasce deboli”

ascea_panorama2

Tari ridotta e confermate le esenzioni e le riduzioni per l’anno 2016.

Ascea, Tari ridotta. D’Angiolillo: “segnale forte in favore delle fasce deboli”

Tari ridotta e confermate le esenzioni e le riduzioni per l’anno 2016.

ASCEA. L’Amministrazione comunale, per l’anno 2016, ha approvato, a favore delle famiglie, una riduzione della tariffa Tari (14% in meno) relativa alle abitazioni, che passa da € 2,20 al mq (stabilita dalla precedente Amministrazione dal 2009 in poi) e da € 2,10 al mq (stabilita da questa Amministrazione per il 2014 e 2015) agli attuali € 1,90 al mq per l’anno 2016. La tariffa diminuisce anche per i posteggi in mercati e spiazzi per sagre, che passa da € 200,00 a mq annui ad € 50,00 a mq annui. “E così si è voluto dare un segnale di forte attenzione a favore delle famiglie e delle fasce più deboli. Sono state confermate, invece, le tariffe Tari previste per tutte le altre categorie; ma, continuando la lotta all’evasione e razionalizzando la spesa per i servizi relativi ai rifiuti, si ritiene che il prossimo anno si possa operare una diminuzione tariffaria anche per altre categorie”, spiega il sindaco D’Angiolillo.
Per l’anno 2016, inoltre, sono state confermate (Cfr. art. 4 del predetto Regolamento Tari) le riduzioni o esenzioni tariffarie: a) per le abitazioni con unico occupante di età superiore ai 65 anni; b) per le abitazioni occupate da soggetti che risiedono o abbiano la dimora, per più di sei mesi all’anno, all’estero; c) per i fabbricati rurali ad uso abitativo occupati da coltivatori diretti o imprenditore agricoli, se residenti nel fabbricato; d) per le abitazioni occupate dai residenti, che dichiarano di non conferire la frazione umida dei rifiuti; e) per i soggetti che danno vita a piccole strutture turistico-ricettive; f) per i soggetti che ristrutturano locali siti nel centro storico di Ascea Capoluogo, Terradura, Catona e Mandia; g) per i soggetti che avviano nei locali siti nel centro storico di Ascea Capoluogo, Terradura, Catona e Mandia attività di carattere artigianale e/o commerciale.

Sulla gestione dei rifiuti il consiglio comunale ha approvato anche un apposito regolamento.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
capaccio_municipio
Metanizzazione a Capaccio, dipendenti a rischio. Dal comune: nessuna sospensione

galleria_ceraso_cilentana
Paura sulla Cilentana: cadono calcinacci da una galleria

centola_mantova
Palinuro e Mantova: patto d’amicizia nel nome del sommo poeta Virgilio

Chiudi