Corisa4, passività da capogiro: "Ricadranno sugli utenti, Ametrano si dimetta" - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Corisa4, passività da capogiro: “Ricadranno sugli utenti, Ametrano si dimetta”

corisa4

Pubblicati i dati sulla situazione contabile del Corisa4. Disavanzo di nove milioni di euro al 2014. Bruno (PD): “Situazione che ricadrà sugli utenti, Ametrano si dimetta”.

Corisa4, passività da capogiro: “Ricadranno sugli utenti, Ametrano si dimetta”

Pubblicati i dati sulla situazione contabile del Corisa4. Disavanzo di nove milioni di euro al 2014. Bruno (PD): “Situazione che ricadrà sugli utenti, Ametrano si dimetta”.

La situazione del Corisa4 è disastrosa. E’ quanto emerge dal bilancio del consorzio che si occupa della raccolta rifiuti in Cilento. Il disavanzo al 31 dicembre del 2013 toccava già i 5 milioni di euro. A questo si è aggiunta una perdita di esercizio di 4 milioni di euro nell’anno successivo che ha portato il disavanzo totale, al 31 dicembre 2014, a ben 9 milioni di euro; una situazione allarmante che rischia di ricadere sulle tasche dei cittadini e che al momento pare realmente difficile da ripianare.

La diffusione dei documenti contabili della società ha immediatamente innescato polemiche. E’ tornato a puntare il dito contro il Corisa4 e la partecipata Yele, l’esponente del Pd Antonio Bruno che parla di “Numeri preoccupanti” ed evidenzia che la cifra di 9 milioni di euro è destinata a salire. Bruno, poi, attacca nuovamente il presidente della Yele Marcello Ametrano che di recente ha posto in essere azioni che non sono certo passate inosservate come la proroga decennale della società “sottraendo il diritto di voto al socio di maggioranza, il Corisa4” e la revoca del collegio dei revisori dei conti che sul caso si era espresso negativamente. Di qui l’invito alle dimissioni del consiglio di amministrazione della società ed in particolare al presidente Marcello Ametrano che “difende la poltrona e la leva di potere che esercita”. Infine un monito ai primi cittadini: “I sindaci devono prendere coscienza della situazione, spetterà ai comuni ripianare questi debiti di 9 milioni di euro”.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
terremoto
Trema la terra: scossa tra le Province di Salerno e Avellino

violenza_sessuale
“Il giardino degli oleandri”, un libro sulla violenza sulle donne: venerdì la presentazione

ss19
Viabilità colabrodo, il Cilento protesta: il 10 gennaio corteo per la SS19

Chiudi