Nuova Elite
Attualità

Cilento, l’8 Dicembre: la festa, l’albero, il presepe e gli zampognari

8 dicembre, festa dell’Immacolata. Un giorno importante per il Cilento in vista del Natale.

immacolataL’8 Dicembre, convenzionalmente, si “accendono le luci” che annunciano le festività natalizie. È d’uso, in questo giorno, la preparazione degli addobbi natalizi che spaziano nel segno della tradizione dall’albero al presepe. Con devozione e fantasia si allestiscono artisti presepi nelle parrocchiali che accompagneranno i fedeli fino al giorno dell’Epifania.

Nelle case, invece, le famiglie “colorano” l’albero e, talvolta, si cimentano nell’allestimento del presepe. Sono soprattutto i più piccoli ad amare questo momento. Spazio alla creatività ed alla gioia. Si annuncia così, in modo ufficiale, l’attesa del Natale. Nel cuore “dell’Avvento” i rituali cristiani prendono forma.

Inoltre, in questo giorno, molte comunità celebrano la festività dell’Immacolata Concezione, un dogma cattolico proclamato nel 1854 da papa Pio IX.

Tradizione assai diffusa è stata quella degli “zampognari” che, proprio l’8 Dicembre, iniziavano il loro pellegrinare tra le comunità del Cilento. I suoni attraversavano le vie dei paesi e quasi sempre si concludevano in chiesa. Erano accolti con entusiasmo in quanto annunciavano la festa cristiana per eccellenza. Spesso venivano omaggiati con i prodotti della terra, special modo olio, e venivano rifocillati con pani e formaggi o salumi, secondo le usanze del posto.

Diverse le comunità che celebrano la festività dell’Immacolata con profonda devozione. È il caso, ad esempio, di Fornelli (Montecorice), ove la processione attraversa l’abitato accompagnata dalla locale “Confraternita” consacrata proprio alla “Beata Vergine Immacolata Concezione”.

Tags
Back to top button
Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it