Paestum: protocollo per la pedonalizzazione del percorso tra Porta Marina e Porta Aurea - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

Paestum: protocollo per la pedonalizzazione del percorso tra Porta Marina e Porta Aurea

paestum

Ok alla pedonalizzazione del percorso tra Porta Marina e Porta Aurea. Protocollo d’intesa tra comune, Legambiente, Soprintendenza e Parco Archeologico.

Paestum: protocollo per la pedonalizzazione del percorso tra Porta Marina e Porta Aurea

Ok alla pedonalizzazione del percorso tra Porta Marina e Porta Aurea. Protocollo d’intesa tra comune, Legambiente, Soprintendenza e Parco Archeologico.

CAPACCIO. Verso la firma di un Protocollo d’Intesa tra Legambiente, Soprintendenza Archeologia della Campania, Museo e Parco Archeologico di Paestum. L’imminente accordo promosso dall’associazione ambientalista per collaborare alla valorizzazione e alla fruizione delle aree archeologiche locali è stato annunciato nel corso dell’incontro sulla “Geografia della bellezza” tenutosi ieri mattina alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum. La pedonalizzazione del percorso interno delle mura tra Porta Marina e Porta Aurea è il primo obiettivo auspicato da Legambiente, per ampliare la fruizione del Parco Archeologico di Paestum. “La tutela non si può fermare alle mura della città antica – ha spiegato il direttore del Museo e Parco Archeologico, Gabriel Zuchtriegel, intervenuto all’incontro – Lo spazio va esteso fino alle colline di Agropoli, al Cilento, al mare. Lo Stato che tutela è importante, ma si ha bisogno anche di persone che custodiscono il paesaggio nella sua interezza”. Il sindaco di Capaccio, Italo Voza, ha sottolineato il rinnovo dell’accordo con il comune per la gestione dell’Oasi Dunale di Legambiente. E in proposito il presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo: “Dopo le iniziali incomprensioni, sono felice della collaborazione dell’attuale amministrazione comunale che ha riconosciuto la nostra ultradecennale attività presso l’Oasi Dunale. I beni culturali devono dialogare con il territorio – ha aggiunto Buonomo – Stiamo ampliando lo sguardo a tutta la Piana del Sele”. Nel corso dell’incontro sono state illustrate le più recenti azioni sul territorio di Legambiente, in primo luogo il Corso di Cittadinanza, volto a valorizzare le potenzialità turistiche della Piana del Sele e frenare potenziali interventi distruttivi sulla linea di costa, attivato presso l’Università di Salerno, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’ateneo.” />
Paestum, pedonalizzazione del percorso tra Porta Marina e Porta Aurea: verso la firma del protocollo

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
cimitero
Cilento, furto in un cimitero. Rubate decorazioni in bronzo

ambulanza
Bimbo investito sulla SS19

carabinieri_indagini
Tragedia sfiorata: durante una lite spunta fuori un’ascia

Chiudi