Vallo della Lucania: raccolte oltre 800 firme per baratto amministrativo ed orti sociali

Oltre ottocento firme a Vallo della Lucania per introduzione di Orti Sociali e Baratto Amministrativo. La palla passa ora all’amministrazione comunale.

VALLO DELLA LUCANIA. Sono oltre ottocento i cittadini che hanno firmato la petizione per introdurre baratto amministrativo ed orti sociali. La sottoscrizione era stata lanciata dai Cittadini Cinque Stelle vallesi lo scorso agosto. Tutti i documenti sono stati ora inviati al sindaco Toni Aloia al quale si chiede di prendere in esame le petizioni e di pronunciarsi in merito entro trenta giorni, così come previsto dallo statuto comunale.

“Confermiamo l’impegno preso – precisa il portavoce dei Cittadini Cinque Stelle, Alessandro Maiese – di collaborare con l’amministrazione comunale per predisporre l’attuazione dei due progetti nel rispetto della volontà popolare”.

Nel dettaglio sono 807 le firme per l’istituzione del baratto amministrativo che da la possibilità di svolgere piccole opere di manutenzione per il comune a coloro impossibilitati a pagare le imposte comunali e 815 per gli orti sociali, progetto che riconosce l’opportunità per l’ente di concedere in comodato gratuito dei terreni ai cittadini affinché coltivino ortaggi per uso familiare.

I due istituti sono contemplati nel decreto “Sblocca Italia” con l’obiettivo di favorire i cittadini con difficoltà economiche.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Sostieni l'informazione indipendente