La questione cinghiali approda in Parlamento: presto un piano nazionale - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Attualità

La questione cinghiali approda in Parlamento: presto un piano nazionale

camera_deputati

Contenimento dei cinghiali, interrogazione alla Camera. Borghi: “Al via la costruzione di un piano nazionale condiviso da parchi ed enti locali”,

La questione cinghiali approda in Parlamento: presto un piano nazionale

Contenimento dei cinghiali, interrogazione alla Camera. Borghi: “Al via la costruzione di un piano nazionale condiviso da parchi ed enti locali”,

La necessità di un contenimento degli ungulati nei territori montani e collinari italiani approda alla Camera dei Deputati. Nel pomeriggio di giovedì 17 settembre, il Sottosegretario sottosegretario Silvia Velo ha infatti risposto all’interrogazione a risposta immediata sulle misure atte a contenere la proliferazione dei cinghiali presentata dai deputati Enrico Borghi insieme ai colleghi Ermete Realacci, Chiara Braga, Tino Iannuzzi, Alessandro Mazzoli e Oreste Pastorelli. “Sono stati chiariti alcuni punti fondamentali per inquadrare e risolvere le problematiche evidenziate da sindaci, associazioni agricole ed Enti parco – precisa Borghi, presidente nazionale dell’Uncem e presidente dell’Intergruppo parlamentare per lo Sviluppo della Montagna – Ma il Sottosegretario Velo ha ribadito anche gli strumenti già a disposizione, che devono essere sempre più condivisi tra le regioni individuando una stretegia chiara e stabile per i prossimi anni”.

La grande proliferazione della fauna selvatica e in particolare dei cinghiali, che secondo stime Ispra hanno ormai superato il milione di esemplari, sta causando danni ingenti alle colture agricole e anche alcuni gravi incidenti all’uomo. La situazione ha assunto di fatto dimensioni e caratteristiche di una vera e propria emergenza, da superare avendo come bussola la gestione degli equilibri ecologici. In particolare i nostri Parchi Nazionali, che hanno strumenti in più rispetto al resto del territorio per governare questo fenomeno con rigore, sono le istituzioni che meglio si possono candidare ad affrontare il problema in modo serio e scientifico. Sono diversi i Parchi Nazionali che già attuano con successo ed efficacia le linee guida dell’Ispra per la gestione del cinghiale mentre altri, pur avendo a disposizione risorse, le hanno implementate in maniera parziale e insufficiente. Come testimoniato anche dal recente allarme di Coldiretti, Cia e Confagricoltura sui danni causati all’agricoltura dalla fauna selvatica, il cinghiale rappresenta la parte preponderante del problema viste le sue caratteristiche, le sue abitudini alimentari e l’assenza di una specie animale antagonista.

“A seguito della nostra interrogazione – aggiunge Enrico Borghi – si è svolto martedì scorso un incontro al Ministero dell’Ambiente con tutti i Parchi Nazionali per fronteggiare il problema e monitorare i Parchi per capire chi sta intervenendo, come il Parco Nazionale Val Grande, e chi invece è inerte, dove può essere necessario individuare un commissario ad acta per affrontare il problema ungulali”. Ministero dell’Ambiente e Ministero delle Politiche Agricole e Forestali hanno già avviato una serie di audizioni con le associazioni agricole e proseguiranno con ulteriori portatori di interesse. “Su un punto in particolare siamo certi sia necessario lavorare – sottolinea il presidente nazionale Uncem – le buone pratiche di abbattimento selettivo e contenimento faunistico attualmente in corso nei Parchi nazionali e negli Ambiti territoriali di caccia saranno oggetto di standardizzazione e di direttive specifiche verso tutte le aree protette. Chiediamo alla conferenza Stato-Regioni di adottare queste direttive per i parchi regionali e per le aree non protette al fine di far fronte all’emergenza su tutto il territorio nazionale”.

Top
Ti suggeriamo di leggere Attualità, Homepage
cacio
US Agropoli, plebiscito di consensi per Caciotta al settore giovanile

giungano
Cilento, ecco la scuola «geotermica»: l’energia arriva dal sottosuolo

italo_voza
Capaccio, Voza: «E’ finita la ricreazione, presto la nuova giunta»

Chiudi