Montella PrismArredo
CronacaIn Primo Piano

Tragedia in discoteca: due massi hanno fracassato testa e schiena della vittima

CAMEROTA. Sarebbero due i massi, del peso di oltre 60 chili, staccatisi dalla roccia della grotta in cui si trova la discoteca “Il Ciclope”, a Marina di Camerota.

Il primo avrebbe colpito il 27enne Crescenzo Della Ragione alla testa, fracassandogli il cranio, il secondo dietro la schiena, provocandogli delle lesione alla spina dorsale e schiacciandogli la cassa toracica. Così sarebbe morto il giovane 27enne di Mugnano di Napoli nella notte tra lunedì e martedì.

Sul caso la Procura della Repubblica di Vallo della Lucania ha aperto un’inchiesta. Il reato ipotizzato dal procuratore capo, Giancarlo Grippo, è quello di omicidio colposo. Restano da individuare eventuali responsabili, in particolare tra coloro che avrebbero dovuto garantire la sicurezza del costone roccioso e del locale sottostante.

Domani si terrà l’autopsia sul corpo del giovane, la cui salma è custodita presso l’obitorio dell’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania. Scene strazianti nella mattinata di ieri quando i genitori del giovane si sono recati presso il nosocomio. “Voglio vedere mio figlio”, urlava disperatamente la madre. Il corpo del giovane è stato estratto per qualche istante dalle celle e si sono sentite nuove urla. Continuo il via vai degli amici di Crescenzo arrivati a prestare conforto ai familiari e a porgere l’ultimo saluto.

Sul caso, intanto, continuano le polemiche. Gli esperti parlano di tragedia annunciata e non manca chi chiede le dimissioni del sindaco Romano. Quest’ultimo, però, pur non intervenendo sul caso ha chiarito che non lascerà il suo incarico. Sul caso è pronta anche un’interrogazione parlamentare da parte del deputato del Partito Democratico Simone Valiante.

Tags

Ti potrebbero interessare

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it