Appiccarono degli incendi, due denunciati - Info Cilento
Montella Prisma Arredo
Casa San Pio
Caseificio Campolongo
Plasticart
Cronaca

Appiccarono degli incendi, due denunciati

incendio_bosco

Sono stati denunciati dal Corpo Forestale dello Stato G.C. e G.D.A., responsabili di due incendi boschivi colposi, divampati nei comuni di Novi Velia in località “Costa di Saccone” e Camerota località “S. Iconio-Malaspina”, ricadenti nell’area protetta del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni.

Appiccarono degli incendi, due denunciati

Sono stati denunciati dal Corpo Forestale dello Stato G.C. e G.D.A., responsabili di due incendi boschivi colposi, divampati nei comuni di Novi Velia in località “Costa di Saccone” e Camerota località “S. Iconio-Malaspina”, ricadenti nell’area protetta del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni.

Le operazioni e le indagini sono state condotte dal Comando Stazione Forestale di Vallo della Lucania e San Giovanni a Piro. In entrambi i casi, grazie ad accurate indagini avvalendosi del Metodo delle Evidenze Fisiche (messo a punto negli Stati Uniti e utilizzato dalla Polizia Scientifica in Spagna e Portogallo nelle investigazioni sugli incendi boschivi) utile per poter ricostruire la dinamica dell’incendio mediante il rinvenimento del punto di innesco, i Forestali sono riusciti ad individuare i responsabili dei roghi, i quali usando il fuoco per pulire il terreno, al fine di eliminare l’erba secca e arbusti infettanti presenti sul fondo di loro proprietà, causa il forte vento avevano perso il controllo delle fiamme, innescando due grossi focolai che hanno distrutto circa quattro ettari di macchia mediterranea e bruciati diversi alberi di roverella e ontano. Entrambi gli incendiari, denunciati alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, rischiano da 1 a 5 anni di reclusione. Le attività di raggruppamento e abbruciamento in piccoli cumuli e in quantità giornaliere non superiori a tre metri steri per ettaro dei materiali vegetali, effettuate nel luogo di produzione, costituiscono normali pratiche agricole consentite per il reimpiego dei materiali come sostanze concimanti o ammendanti. Tali attività, sono sempre vietate nei periodi di massimo rischio per gli incendi boschivi (luglio-settembre) e, in tutti i casi in cui sussistono condizioni metereologiche, climatiche o ambientali sfavorevoli (presenza di vento, siccità) o nei casi in cui possano derivare rischi per la pubblica e privata incolumità e per la salute umana.

Top
Ti suggeriamo di leggere Cronaca, Homepage
ospedale_corridoio
Clamoroso: entro l’estate l’apertura dell’ospedale di Agropoli | VIDEO

salaconsilina
Sala Consilina, il distretto sanitario nei locali dell’ex tribunale

vallo_lavori
Vallo della Lucania: scelta l’opera d’arte per Piazza Vittorio Emanuele

Chiudi