La droga dietro l’omicidio Vassallo. La Città svela novità sulla morte del sindaco pescatore

POLLICA. Ci sarebbe un giro di spaccio di droga alla base dell’omicidio di Angelo Vassallo avvenuto il 5 settembre 2010.

Secondo il quotidiano “La Città” in edicola oggi, il sindaco di Pollica aveva scoperto che il fidanzato della figlia, Francesco Avallone, “aveva avviato una vera e propria attività di spaccio di stupefacenti”. Il tutto poche settimane prima della morte. Ciò “Emerge da un’inchiesta sullo spaccio di droga, avviata nel 2012 dalla procura di Vallo della Lucania e coordinata dall’allora sostituto procuratore Renato Martuscelli, poi trasferito alla Procura generale di Salerno”

“Dagli atti – scrive La Città – emerge chiaramente che l’ex sindaco Vassallo aveva scoperto l’attività dell’allora genero Francesco Avallone (lasciatosi con la figlia pochi mesi dopo l’omicidio) e aveva avviato autonomamente un’indagine per capire la consistenza dello spaccio ad Acciaroli”.

CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Sostieni l'informazione indipendente