Tolomeo

San Giovanni a Piro Turismo. Scopri il comune di San Giovanni a Piro

San Giovanni a Piro, un caratteristico centro del Basso Cilento immerso tra il verde e l’azzurro

La Storia di San Giovanni a Piro.

San Giovanni a Piro è un tipico centro del Basso Cilento. Verso l’anno 990 d.C. i monaci basiliani provenienti dall’Epiro fondarono, in località Ceraseto l’Abbadia di S. Giovanni Battista. Il Cenobio, diretto da illustri studiosi ed umanisti, fu uno dei più importanti monasteri del monachesimo greco dell’Italia Meridionale. Il territorio dove sorge il Cenobio, posto alle falde del monte, costituiva un rifugio sicuro e pressoché inattaccabile. I frati basiliani cercarono subito di iniziarne la coltivazione, dando notevole  impulso, oltre che a colture di ogni genere, anche all’industria  armentizia, in  modo da  garantire al sorto cenobio una cospicua e necessaria risorsa economica che assicurasse una completa indipendenza ed una vita propria alla nuova comunità. I monaci basiliani, oltre a servirsi dell’operosa  attività  della  scarsa  popolazione  del vicino nucleo abitato, chiamarono sul posto anche  numerosi  coloni dei villaggi  circostanti che  ben presto si stabilirono anch’essi ai piedi del monte di Bulgheria. Un primo nucleo abitato degno di tale nome sorse, sul territorio ove è oggi  San Giovanni a Piro, soltanto nei primissimi anni del X secolo,  quasi sicuramente dopo la terribile distruzione della vicina Policastro del 915 ad opera dei Saraceni agropolitani. I numerosi policastresi scampati alla rovina decisero di abbandonare la costa e rifugiarsi in luoghi più sicuri e nascosti. La popolazione crebbe in modo notevole, nuove dimore furono costruite, ed il piccolo centro diventò ben presto un vero e proprio borgo che, traendo il nome dal titolo della vicina Abbadia basiliana, cominciò a chiamarsi San Giovanni a Piro.

sangiovanniapiro
Un panorama del paese
Cosa Visitare a San Giovanni a Piro.

San Giovanni a Piro con le sue frazioni merita di essere senz’altro visitato. Oltre al caratteristico centro del Capoluogo merita menzione Scario, località costiera e meta balneare tra più belle del sud Italia. Importante è anche Bosco. Qui il pittore spagnolo José Garcia Ortega trascorse gli ultimi anni di vita. Un museo mette in mostra parte del suo repertorio. Di particolare interesse il Santuario dedicato a Maria SS. di Pietrasanta, situato all’incirca a 2 km dal centro abitato e a 650 metri sul livello del mare. Da San Giovanni a Piro è possibile inoltre iniziare una serie di itinerari alla scoperta della natura circostante e di reperti che raccontano la storia del luogo.

scario
Il porto di Scario

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito