Sciopero dei treni il 9 settembre: le info utili

Il personale incrocerà le braccia dalle ore 9 alle ore 17. Ecco gli effetti sulla mobilità di Trenitalia

Possibili disagi per chi viaggia in treno per uno sciopero del personale previsto per domani, 9 settembre. Per otto ore incroceranno le braccia macchinisti e capotreno di Trenitalia, Italo, Trenord e Trenitalia Tper. Ad annunciare lo sciopero nazionale dei treni erano state le sigle sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Fast Confsal e Orsa.

Sciopero dei treni: le ragioni

Il provvedimento arriva dopo «i gravi eventi lesivi della sicurezza e dell’incolumità delle lavoratrici e dei lavoratori». In particolare era stata l’ennesima aggressione di un dipendente in servizio su un convoglio a scatenare l’ira dei sindacati che chiedevano interventi da parte dei datori di lavoro e del legislatore. Tra le proposte l’istituzione di un daspo trasporti.

I disagi

Lo sciopero dei treni inizierà alle 9 del 9 settembre e terminerà alle 17. Trenitalia ha reso noto che sono previste possibili cancellazioni totali e parziali di Frecce, Intercity e Regionali.

Ti potrebbero interessare:

«Gli effetti, sempre in termini di cancellazioni e ritardi, potranno protrarsi anche oltre l’orario di termine dello sciopero», fa sapere l’azienda.

Poi l’invito: «Trenitalia, tenuto conto delle possibili importanti ripercussioni sul servizio, invita tutti i passeggeri a informarsi prima di recarsi in stazione. La tabella dei treni garantiti è disponibile sul sito web trenitalia.com nella pagina dedicata agli scioperi».

Dove informarsi

Informazioni su collegamenti e servizi saranno diffusi attraverso l’app Trenitalia, la sezione Infomobilità del sito web trenitalia.com, i canali social e web del Gruppo FS Italiane, il numero verde gratuito 800 89 20 21, oltre che nelle biglietterie e negli uffici assistenza delle stazioni ferroviarie, alle self service e presso le agenzie di viaggio convenzionate.

Il commento dei sindacati

«La gravità e l’intollerabilità delle numerose e violente aggressioni – osservano  Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Ferrovieri, Fast Confsal e Orsa – non consentono indugi e necessitano urgentemente di un fermo e risolutivo intervento a tutela della sicurezza e dell’incolumità delle lavoratrici e dei lavoratori delle ferrovie».

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.