A Villa Matarazzo torna Spaziale: ecco il programma

Presentato il Festival Spaziale che si terrà il 27 e 28 agosto a Santa Maria di Castellabate, presso la Villa Matarazzo. Il Festival è arrivato alla seconda edizione dopo il successo dell’anno scorso e pone al centro le tematiche cardine promosse dall’associazione promotrice AltroSpazio, ovvero la cultura, l’inclusione sociale e soprattutto la salvaguardia e tutela ambientale essendo uno dei primi festival di ampia portata totalmente plastic free del Cilento.

In tal senso, il patrocinio del Parco Nazionale del Cilento e di Legambiente confermano la bontà del progetto. Il Festival è organizzato dall’associazione AltroSpazio in collaborazione con Cilentomania e Officina 72. Nelle due serate si tratterà l’arte a 360 gradi con concerti, artisti di street art e mostre fotografiche che renderanno la Villa un museo artistico a cielo aperto.

Lo scorso anno è stata attrezzata la parete d’arte più lunga d’italia, ben 80 metri! A confermare la crescita esponenziale dell’evento è il calibro degli ospiti delle due serate:

– Il 27 agosto si esibirà Tommaso Primo, noto artista della scena napoletana al quale saranno affiancate le esibizioni di Officina Partenopea e Antunzmask.

– Il 28 agosto ci saranno invece due storici gruppi della scena indie-rock e hip hop italiana che per l’occasione si esibiranno congiuntamente ovvero Tre Allegri Ragazzi Morti e Cor Veleno con il loro esperimento Meme K Ultra. Apriranno l’esibizione Blindur e Fl0r4.

Accompagneranno i concerti musicali le estemporanee di street art costituite anche in questo caso da un mix di artisti internazionali e locali: Biodpi, Urka, Emily Colangelo, Elisa Montone, Cinaski, Rose Romano e Nuru B lavoreranno sinergicamente per creare una parete artistica all’insegna della salvaguardia ambientale e dell’inclusione sociale. Proprio in quest’ultima delicata tematica si inseriscono gli ospiti delle mostre fotografiche: Spaziale avrà infatti in esclusiva nazionale i vincitori del premio Closer 2021, il festival della fotografia sociale reportage di Witness Journal, la più importante rivista italiana del settore.

A Villa Matarazzo sarà possibile dunque apprezzare le mostre fotografiche dei 5 vincitori di seguito elencati: – Queer Divine di Carlo Bevilacqua; – My selves di Adele Dalla Pozza; – In fondo a colore di Antonio Presta; – Fishing for plastic di Antonio Tartaglia; – Innocent prowls through Pakistan di Marylise Vigneau. Dunque non resta altro che comprare il biglietto e vivere insieme a noi una due giorni d’arte che si preannuncia essere Spaziale!

CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente