Agropoli: oggi la proclamazione degli eletti in consiglio comunale

Questo pomeriggio potrebbe avvenire la proclamazione degli eletti

AGROPOLI. A quasi due settimane dal voto questo pomeriggio potrebbe avvenire la proclamazione degli eletti in consiglio comunale. Il condizionale è d’obbligo considerato che già da alcuni giorni sembrava che il lavoro della commissione elettorale dovesse giungere al termine, salvo poi slittare per la necessità di ulteriori conteggi.

Agropoli, attesa per la proclamazione degli eletti

L’attività del giudice Giovanni Saporiti si è protratta oltre il dovuto per una serie di incongruenze riscontrate nei verbali elettorali.

La commissione, però, pur evidenziando i problemi, ha cercato di far quadrare i numeri. Una settimana fa era già avvenuta la proclamazione del sindaco il quale aveva provveduto a nominare la giunta e a firmare i suoi primi atti.

Un’azione duramente contestata dalle minoranze, considerata l’assenza di un organo con funzioni di controllo, qual è appunto il consiglio comunale. «Gli organi di controllo sono essenziali in democrazia – ha detto Elvira Serra Il sindaco giura dinanzi al consiglio eletto in quanto organo di indirizzo e controllo. Senza organi di controllo siamo dinanzi ad una dittatura. Chi vuole governare con giustizia rispetti le regole e dia esempio ai cittadini che la legge va rispettata».

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

2 commenti

  1. A Sciacca (Agrigento) in Sicilia, identica situazione di Agropoli, solo differente la Commissione Elettorale, che una volta avuto sentore di “Brogli Elettorali” a differenza di quella di Agropoli, ha proceduto alla verifica di tutte le schede di votazione ed, alla fine ha decretato,al posto della già avvenuta proclamazione del Sindaco, il doversi andare al ballottaggio, cosa che ad Agropoli non é successo, PERCHE’? La Legge non é la stessa? Vergognatevii !!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente